A Quiet Place: un Posto Tranquillo, il film poteva essere parte del Cloververse!

Tosto, ricco di suspance ed emotivo, è così che A Quiet Place si è presentato. Il nuovo film di John Krasinski, in cui recita al fianco della moglie Emily Blunt, sta raccogliendo consensi su consensi, sopratutto per le sue atmosfere davvero particolari, e non è solo un bel prodotto per la cinematografia horror, ma anche un film ben realizzato.

Se non l’avete visto probabilmente conoscete la premessa, ovvero quella di una famiglia che per rimanere vivi in un mondo invaso da creature che si orientano con il suono, decide di vivere nel completo silenzio, visto che anche solo un rumore vagante o un errore incauto potrebbe significare un attacco da parte di una di queste creature.

Mentre Kransiski è il volto del pubblico per il film, l’idea dietro a questa pellicola è nata da una bozza realizzata da Scott Beck e Bryan Woods. A quanto pare, stando a quanto riportato da Slashfilm, nella fase di progettazione del concept primario i due autori hanno ponderato l’idea di rendere la pellicola parte del Cloververse. Con i mostri del film nel loro concept originale che rende l’impatto sicuramente simile a quello dei precedenti episodio del franchise della Bad Robot, non sarebbe stata una cosa poi così assurda, ma alla fine la coppia di autori ha deciso di prendere un’altra strada.

In una lunga intervista con Slashfilm i due autori hanno parlato proprio di questo parallelismo scartato. Per primo Beck ha dichiarato:

Hai mai pensato di portarlo alla Bad Robot con la possibilità di renderlo un film di Cloverfield?

Scott: Quella era una di quelle cose che, immagino, ci sia passata per la testa, e avevamo parlato con i nostri rappresentanti di questa possibilità. Era un periodo strano però, perché quando stavamo scrivendo la sceneggiatura, 10 Cloverfield Lane era alla Paramount. In realtà stavamo parlando con un dirigente di questo film, e dal punto di vista formale sembrava che ci potesse essere un crossover, ma quando finalmente abbiamo portato il copione finale alla Paramount e lo hanno visto come un film totalmente diverso. Quello che è stato davvero incredibile riguardo il processo, e ciò per cui ci sentiamo molto grati, è che lo studio ha abbracciato questo strano film senza dialoghi. Non hanno mai pensato di personalizzarlo come un film di Cloverfield, penso in parte perché concettualmente era in grado di reggersi da solo.

Bryan: E la nostra più grande paura è stata – amiamo Bad Robot, amiamo quelle persone, e ovviamente anche JJ [Abrams] è sicuramente un eroe per noi – ma una delle nostre più grandi paure è stata quella di venir trascinati in un franchise o riproposto per qualcosa di simile. La ragione per cui dico ‘più grande paura’ – adoriamo i film di Cloverfield, sono eccellenti è solo che, come amanti del cinema, preferiamo idee nuove e originali. La fuori ci sono solo cinefumetti, remake e sequel. Ci piacciono anche quei film, ma il nostro sogno è sempre stato quello di rilasciare qualcosa di diverso sul mercato, quindi siamo grati che Paramount abbia abbracciato l’idea del film.”

In una fattoria vive una famiglia costretta a ridurre al minimo possibile ogni rumore: non possono risvegliare lo spirito sovrannaturale che controlla la loro casa. L’unica soluzione sembra essere il silenzio, almeno per il momento.

La pellicola, scritta e diretta da John Krasinski, vede l’attore stesso nel cast assieme a Emily Blunt, Noah Jupe, Millicent Simmonds, Leon Russom e Cade Woodward.

Arriverà al cinema il 5 aprile 2018.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: