Adrianne Palicki ricorda i suoi momenti come Wonder Woman rivelando di essere una grande fan dei fumetti

Chiamare Adrianne Palicki un “fan dei fumetti” sarebbe un eufemismo. “Ho un tatuaggio di Supergirl“, dice la star 37enne di Friday Night Lights. Si è innamorata della Ragazza d’Acciaio e di Wonder Woman in giovane età perché idolatrava suo fratello maggiore, che scriveva fumetti:

“Qualunque cosa faceva, io volevo farlo. Naturalmente, gravitavo attorno a queste donne belle e forti, volendo essere una di queste donne quando ho smesso di essere una goffa bambina.”

E ha esaudito il suo desiderio nel 2011, quando il produttore David E. Kelley (Big Little Lies, Ally McBeal) l’ha scelta come protagonista nel suo pilot di Wonder Woman.

“Onestamente è stata la cosa più spaventosa di sempre e la cosa migliore in assoluto in quel momento. Indossare quel vestito è stato solo un grande sogno”, dice Palicki, che ricorda di essere stata nervosa quando i produttori le hanno chiesto di leggere con la co-star Cary Elwes durante il suo provino. “Cammino un giorno e vero Cary Elwes. E io dico: ‘Non posso leggere con lui. Era Wesley (The Princess Bride). E’ stato l’amore della mia vita a un certo punto!’. Ero così nervosa. Per fortuna, è stato uno piacevole, abbiamo lavorato insieme e ho avuto modo di ascoltare tutte le storie incredibili sulla The Princess Bride.”

Sviluppata dalla Warner Bros.Television, la futura serie di Kelley, che ha offerto una nuova interpretazione dell’icona di 70 anni dandole una doppia identità, ha ricevuto l’ordine di un pilota dalla NBC. Nella storia, il mondo conosce Wonder Woman sia come supereroe che opera a Los Angeles, che come il suo alter ego Diana Themyscira, il leader di una grande società che commercializza il marchio Wonder Woman per finanziare il suo trambusto da vigilante. Alla fine della giornata, però, torna a casa con la sua identità segreta, Diana Prince, una donna mite e occhialuta che possiede un gatto e ama i film romantici.

“Alla fine è stato divertente per me interpretare tre personaggi diversi”, dice Palicki. “Ho adorato il fatto che David E. Kelley sia davvero stato bravo a scrivere donne davvero forti, e ho scoperto che lo ha fatto magnificamente con tutti i diversi personaggi. Ciò che tutti avevano [in comune] era questa bellissima vulnerabilità dell’isolamento.”

Nonostante la sua fiducia nella scrittura di Kelley, Palicki sentiva ancora un’enorme quantità di pressione.

“Gli stan (fan hardcore) – e lo so essendone uno anch’io – hanno opinioni molto forti ed è davvero importante, soprattutto nella comunità dei fumetti, conquistarli. Ero molto nervosa per questo – [e] anche meravigliosamente scioccata e contenta che le persone mi sostenessero molto nell’ottenere il ruolo, ovviamente non avendo visto lo spettacolo”, dice. “Ho avuto la fortuna di avere un bellissimo scrittore e il mio amico [il regista del pilota] Jeffrey Reiner, di cui mi fido implicitamente perché so che non si accontenterà mai di una scena se non è perfetta. Questo mi ha fatto sentire molto più a mio agio. Mi sentivo come se fossimo tutti una squadra e non ero solo io a spingere il progetto.”

A completare il cast c’erano Elwes nei panni dell’attento socio in affari di Diana, Henry; Tracie Thoms (9-1-1) nei panni della sua assistente personale Etta Candy; un pre-Wonder Woman 1984 Pedro Pascal come suo collegamento LAPD (come il Commissario Gordon per Batman), anche se con riluttanza; Justin Bruening (Grey’s Anatomy) nel ruolo del suo ex fidanzato Steve Trevor; ed Elizabeth Hurley nei panni di Veronica Cale, l’arcinemica di Diana che sta inondando le strade con una droga pericolosa.

“[Il cast] mi ha reso la vita facile perché le riprese sono state molto difficili, ma gli attori sono stati semplicemente fantastici”, ricorda Reiner, che ha lavorato con Palicki nelle prime tre stagioni di Friday Night Lights. “Penso che sia stata la cosa più importante su cui ho lavorato.”

Durante la produzione, hanno chiuso tutta l’Hollywood Boulevard per filmare una sequenza di inseguimento in cui Wonder Woman salta sopra diverse auto all’inseguimento di uno spacciatore.

“È stato uno dei momenti più surreali della mia vita”, dice Palicki, che ha lavorato in un negozio lungo la strada di LA costellata di star molti anni fa. “Non riesco a credere che stavo gestendo un negozio di occhiali da sole lì e ora faccio parte del processo di chiusura di Hollywood Boulevard indossando un costume di Wonder Woman.”

Sfortunatamente, il ruolo da sogno di Palicki è stato di breve durata perché la NBC ha trasmesso il pilota., ma questo non è stato all’altezza delle aspettative. “È stato devastante quando non è andato. Ci credevo così tanto“, conclude Palicki. In questi giorni ci si chiede se fosse solamente troppo presto. Il pilot è stato girato lo stesso anno in cui Smallville ha concluso la sua rivoluzionaria serie di 10 stagioni, e un anno intero prima che The CW facesse volare Arrow con il suo eroe vestito di pelle verde e Marvel’s Avengers cementasse la supremazia al botteghino del genere dei supereroi. “Credo che se fosse stato [realizzato] uno o due anni [più tardi], sarebbe stato uno successo“.

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: