Alcuni rumor parlano del futuro del franchise di Star Wars come ambientato “nell’era dell’Alta Repubblica”

Il 2020 sembra un grande anno per essere un fan di Star Wars, a differenza del 2019 che lo è stato a metà.

Con Star Wars: L’Ascesa Skywalker nello specchietto retrovisore, Making Star Wars riferisce che il prossimo film del franchise si svolgerà nell’era dell’Alta Repubblica. Il rapporto ipotizza che l’impostazione sarebbe di circa 400 anni prima della saga degli Skywalker.

Darth Bane sarebbe una grande figura e Yoda sarebbe attivo come Jedi, ma non come il vecchio, seppur spaccaculi, personaggio avvizzito visto nelle avventure del franchise. Il piano sarebbe di fare in modo che i film siano caratterizzati dall’essere autonomi, quindi nessuna trilogia, ma ovviamente parte del medesimo universo. Da segnalare anche il fatto che DB Weisse e David Benioff sarebbero dovuti essere al comandi della serie di film, ma ora ciò non succederà.

Un mondo fatto di rimandi familiari ma nuove storie suona come qualcosa a cui i capi di Lucasfilm alludevano quando hanno descritto i piani futuri del franchise dopo L’Ascesa di Skywalker. Kathleen Kennedy ha avuto molto di cui discutere in vista della fine della Saga degli Skywalker. Sembra che le cose saranno un po’ diverse ora, e questo significa allontanarsi dalle trilogie per il momento.

“Ovviamente, questo è ciò su cui abbiamo passato così tanto tempo a riflettere, ed è una transizione davvero importante per Star Wars”, ha affermato la Kennedy. “Ciò su cui ci siamo concentrati in questi ultimi cinque o sei anni è terminare quella saga. Ora è il momento di iniziare a pensare a come raccontare qualcosa di nuovo e diverso. Penso che ci dia una visione più aperta della narrazione e non ci blocchi più in questa struttura in tre atti. Non avremo un numero finito di progetti da sviluppare, ma lasceremo davvero che la storia stessa suggerisca quanti capitolo debba avere.”

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: