Alien: Covenant, pubblicati dei disturbanti concept art scartati dal film

Alien: Covenant non è stato di certo il film che tutti noi aspettavamo, e speravamo che fosse, ma va detto che Ridley Scott ha cercato in tutti i modi di mantenere il design originale del film e, in particolare, quello delle opere del grande artista H.R. Giger, l’artista svizzero che ha creato l’aspetto dello xenomorfo e tutto quello legato ad esso. In particolare, una forte ispirazione al maestro Giger la si può riscontrare nel cadavere di Elizabeth Shaw, personaggio protagonista del prequel Prometheus, interpretato da Noomi Rapace.

Un corpo dilaniato e deformato dai macabri esperimenti del folle David, ma, stando a dei concept art rilasciati recentemente proprio dall’artista che li ha realizzati, Matt Hatton, il corpo della Shaw poteva essere ancor più raccapricciante. Difatti qui di seguito potete trovare i concept in questione e potete constatare voi stessi quanto siano malati e inquietanti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Che ne pensate? Questi concept sono Giger puro e mi spiace molto che non li abbiano inseriti nel film definitivo. La malattia e la perversione di David si percepiscono molto di più all’interno di questi disegni, e anche la malattia di Giger stesso. Basti vedere come David aveva intenzione di utilizzare l’apparato riproduttore della Shaw per creare l’alieno, e chi conosce Giger sa ben quali parti del corpo umano caratterizzano sempre le sue opere.


[amazon_link asins=’B06Y2XLQCG,B0719VYRD8,B00MD2YACM,B009RK7WFU,B071RXSZMV’ template=’ProductCarousel’ store=’cinespression-21′ marketplace=’IT’ link_id=’fa5797b9-e80e-11e7-bbf5-17d95bbba082′]


Alien: Covenant è un film diretto da Ridley Scott su una sceneggiatura  di John Logan e Dante Harper, basata su un soggetto di Jack Paglen e Michael Green. Nel cast Michael Fassbender (Walter/David), Katherine Waterson (Daniels), Billy Crudup (Oram), Danny McBride (Tennessee), Demiàn Bichir (Lope), Carmen Ejogo (Karine), Jussie Smollett (Ricks) e Guy Pearce (Peter Weyland).  La fotografia è ad opera di Dariusz Wolski, mentre la colonna sonora porta la firma di Jed Kurzel.