Alien ed il trattato sulla storia segreta della Wayland-Yutani

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

Dopo che Alien: Covenant ha portato non eccelsi risultati alla 20th Century Fox per via del deludente risultato al botteghino mondiale, e dopo che gli asset del Gruppo Fox stanno per essere acquisiti dalla Walt Disney Company, il futuro della saga iniziata da Ridley Scott è certamente in dubbio.

Tuttavia negli ultimi giorni una serie di antologie sono comparte su uno degli account social di Instagram dedicati al franchise, ed ha pubblicato una misteriosa storia in 6 atti intitolata “A 6 Part Dossier exposing the secret history of Weyland-Yutani”. La cosa sarebbe potuta essere semplicemente un easter egge per espandere la lore di Alien, ma il racconto termina con una scritta che recita “l’Universo di Alien si espanderà nel 2019”, cosa che ha fatto scaturire diverse teorie.

Nella storia, che viene raccontata come una sorta di foto-romanzo, leggiamo di un protagonista che arriva ad una struttura della Weyland-Yutani con lo scopo di indagare circa la natura di una serie di incidenti. Lui o lei scopre una struttura scientifica che nasconde un terribile segreto, una Regina in cattività descritta da lui come un “mega-parassita con sangue corrosivo”. Sotto la bestia possiamo vedere una serie di uova, cosa che quindi fa pensare gli Alien vengano utilizzati per ricerca. La struttura si rivela una casa degli orrori per il protagonista.

Negli esperimenti vengono torturate e uccise delle persone, usate come cibo per i facehugger e successivamente come ospiti per gli xenomorfi. Ma gli esperimenti non si limitano al laboratorio, infatti la compagnia invia i facehugger anche sulla superficie di un pianeta, in un punto imprecisato, utilizzando una compagnia militare privata propria. Le larve di Alien vengono fatti cadere sopra civili inconsapevoli per usarli come incubatori.

Alla fine vediamo il pianeta che è stato completamente soggiogato dagli Alien e la struttura della Weyland-Yutani è stata distrutta. Il protagonista alla fine sente il bisogno di rivelare questi barbari esperimenti, anche se tutto ciò dovesse mettere fine alla sua carriera, o peggio.