Amy Rutberg parla della cancellazione di Daredevil

I fan della Marvel sono rimasti scioccati il ​​mese scorso quando è arrivata la notizia che Daredevil era stato cancellato dopo tre stagioni, e sembra che quelli che lavorano dietro le quinte fossero altrettanto sorpresi.

Amy Rutberg, che ha interpretato Marci Stahl in Daredevil e The Defenders, ha recentemente dichiarato a Inverse che crede che la cancellazione sia stata causata da Netflix, poiché tutti quelli con cui ha parlato sul lato Marvel sono stati presi in contropiede dalle notizie.

“I miei contatti con la Marvel sono stati molto sorpresi”, ha rivelato Rutberg. “Alcune delle voci secondo le quali è stata una decisione della Marvel sono sbagliate, penso che sia stata una decisione puramente Netflix. Ciò deriva dalle conversazioni personali con persone in alto alla Marvel. Erano sorpresi.”

L’attrice ha anche spiegato che le riprese per la stagione 4 dovevano iniziare all’inizio del prossimo anno ed ha ipotizzato che Netflix abbia lavorato su questa decisione fino all’ultimo minuto.

“Avevamo sentito dire che avremmo iniziato la produzione già a febbraio 2019”, dice. “È un po’ insolito così avanti nella pianificazione, annullare lo spettacolo, il che mi fa pensare che Netflix avesse stentato a decidere se annullarlo o no. La mia ipotesi è che non è stata una decisione facile.”

Quando gli è stato chiesto dove pensava che la stagione 4 avrebbe potuto essere diretta, Rutberg ha rivelato che il cast e la troupe hanno creduto che Daredevil sarebbe andato in scena per almeno cinque stagioni, dando allo show la possibilità di esplorare un nuovo cattivo prima di tornare da Kingpin per uno showdown finale.

“Sarebbe stato davvero interessante vedere quali criminali avrebbero portato nella quarta stagione. Non penso che sarebbe stato qualcosa di grosso come Wilson Fisk. Forse nella stagione 5. Tutti pensavano che lo show avrebbe avuto sicuramente cinque stagioni in totale.”

Ma Rutberg non è l’unico membro del cast di Daredevil ad aver espresso questo tipo di sentimento, infatti anche le star Vincent D’onofrio e Charlie Cox hanno entrambi suggerito di come avrebbero pensato di tornare per un’altra stagione.

“Molti di noi si aspettavano davvero di andare avanti, ed io certamente”, ha rivelato Cox in una recente intervista. “La verità è che mi sembrava che avessimo molte storie da raccontare, e anche se capisco la cancellazione, ne sono molto rattristato. È proprio come funzionano gli affari, ma il punto è che questi personaggi significano molto per le persone. È strano pensare che ci sia una possibilità che non interpreterò mai più Matt Murdock. È una sensazione bizzarra, perché quel personaggio è stato una parte così importante della mia vita negli ultimi quattro anni e mezzo.”

Come la crew di Daredevil ha accennato diverse volte da quando è avvenuto l’annullamento, la quarta stagione era già pianificata, il che certamente sostiene il fatto che non sai stata la Marvel a cancellare lo show. Infatti, tornando alle dichiarazioni della Rutberg, pare esser venuta fuori la conferma di un recente rapporto secondo cui il contratto della Marvel con Netflix impedisce a qualsiasi personaggio facente pare dei Defenders di apparire in contenuti non Netflix per il prossimo futuro.

“Esiste questo contratto con Netflix. Avevo sentito 18 mesi, forse sono 2 anni. Suppongo sia possibile che la Marvel possa comprarli, ma non ho sentito nemmeno un bisbiglio. […] I fan dovrebbero sapere che c’è davvero potere nei social media. È così che aziende come Netflix seguono il successo di questi show: quante persone ne parlano nei social media. I tuoi tweet e hashtag hanno potere. Le persone ascoltano.”

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: