Ant-man and the Wasp: le prime reazioni elogiano la pellicola!

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

Non sorprende che dopo la proiezione per i critici di venerdì sera ci siano discussioni circa Ant-man and the Wasp, sopratutto dopo Avengers: Infinty War.

A quanto pare infatti, ieri si sono tenute una serie di anteprime stampa per il nuovo film con protagonista Paul Rudd di ritorno nel costume da super-eroe, diretto ancora una volta da Peyton Reed, ed a quanto pare le reazioni si sono assestate su un generale giudizio positivo.

La stampa di intrattenimento sta descrivendo positivamente il film per il suo “fascino”, per gli effetti speciali, le sequenze d’azione e le “sorprese fresche e creative” – un buon risultato per il regista Peyton Reed. Nel 2015 Reed è subentrato a sostituzione del regista originariamente scelto, Edgar Wright, ed ha contribuito a rielaborare il primo Ant-man partendo da un trattamento precedente. Con Ant-Man e The Wasp, che vede la Hope van Dyne di Evangeline Lilly fare coppia con Scott Lang di Paul Rudd, Reed è stato coinvolto sin dall’inizio.

Una serie di impressioni a caldo elogiano quindi il film e informano gli spettatori che sono presenti due scene post-credits, una delle quali, secondo un critico, potrebbe essere migliore dell’intero film. La pellicola viene descritta come priva di cattivi tradizionali, come una storia in piccola scala e autosufficiente. Un film che segue perfettamente l’aura di come un cinecomic dovrebbe essere. E’ collegato ad Avengers 4, come ha detto Kevin Feige, ma non dà alcuna risposta alle domande creatisi dopo Infinity War.

Il film si pone come diretto seguito di Captain America: Civil War, in merito alle tematiche, infatti il nostro protagonista affronta le conseguenze della sua scelta di spalleggiare Steve Rogers contro gli Accordi di Sokovia e contro il team Iron Man. Ha patteggiato per restare vicino alla sua famiglia, e per questo è agli arresti domiciliari. Nel frattempo Hope ed il Dr. Hank Pym s’impegnano a salvare la madre di Hope, l’originale Wasp, Janet van Dyne, che è stata intrappolata per molto tempo nel regno quantico. Durante questo periodo, la Ghost di Hannah John-Kamen, ruba una delle tecnologie di Pym che le da il potere di passare attraverso gli oggetti solidi.

Dopo gli eventi raccontati in Captain America: Civil War, Scott Lang deve affrontare le conseguenze delle proprie scelte sia come supereroe sia come padre. Mentre si sforza di gestire la sua vita familiare e le sue responsabilità come Ant-Man, Scott dovrà affrontare il Quantum Realm per la seconda volta e aiutare Hope/The Wasp a ritrovare sua madre. Insieme dovranno quindi indossare le rispettive tute e dovranno imparare a combattere fianco a fianco per scongiurare altre nuove minacce. 

Vi ricordiamo che Ant-man and the Wasp uscirà il 6 luglio 2018 ed il 14 agosto in Italia, con Peyton Reed alla regia su una sceneggiatura di Andrew Barrer e Gabriel Ferrari, su un soggetto di Paul Rudd e Adam McKay.

Nel cast sono confermati solo Paul Rudd (Scott Lang/Ant-man), Michael Douglas (Hank Pym), Evangeline Lilly (Hope Van Dyne/Wasp), Michael Pena (Luis) e David Dastmalchian (Kurt).