Paul Rudd vorrebbe vedere una campagna per Ant-Man 3 creata dai fan

Anche se Ant-Man è stato un successo e il suo sequel, Ant-Man and The Wasp è stato un successo ancora maggiore – nonostante sia in realtà un film abbastanza inutile – pare che un terzo film del franchise di Ant-Man non sia una garanzia, secondo la star del film, Paul Rudd.

Rudd ha debuttato come il personaggio nel film di Ant-Man nel 2015, prima di apparire in Captain America: Civil War, Ant-Man and the Wasp e Avengers: Endgame. In altre parole, lui e il suo co-eroe stanno guadagnando molta popolarità, ma non gli è stata rinnovata la promessa di una prossima avventura in un loro terzo film.

“Non lo so”, ha detto Rudd a Yahoo! su un Ant-Man 3. “Credo ci sia bisogno di chiamare i capi e iniziare a metter su una campagna per farlo divenire realtà.”

Ant-Man è stato uno dei film meno remunerativi della fase 2 dell’Universo Cinematografico Marvel al botteghino, ma in parte è dovuto al fatto che si è scontrata con un sacco di sequel diversi. Il film ha incassato 519 milioni di dollari in tutto il mondo, che è un risultato impressionante, per un film Marvel Studios o meno. Il sequel, Ant-Man and the Wasp, ha aggiunto a questo totale un bottino globale di oltre 622 milioni.

Con Paul Rudd che emerge dal mucchio maggiormente in Avengers: Endgame nei panni del suo personaggio, Scott Lang, un terzo film sembrava una certezza, ma in effetti, anche in tutti i vari rumor e le varie speculazioni a proposito del futuro della Marvel, non si è mai fatta menzione di un terzo capitolo di Ant-Man. Tuttavia, visti gli eventi di Endgame, è anche possibile che Ant-Man finisca per guidare alcuni dei Vendicatori più giovani dell’Universo Cinematografico Marvel, magari proprio in un film sugli Young Avengers.