Anya Taylor-Joy è un genio degli scacchi dipendente dai tranquillanti nel trailer di The Queen’s Gambit

Netflix ha rilasciato giovedì il trailer della serie limitata, The Queen’s Gambit, che mostra la lotta che Beth Harmon deve affrontare mentre Anya Taylor-Joy cerca di conquistare il mondo degli scacchi competitivi dominato dagli uomini negli anni ’50.

Ed è durante quel viaggio che impara come “il genio e la follia vadano di pari passo” in questo gioco – o almeno la versione che è costretta a giocare.

Nel trailer, che puoi vedere sotto, vedrai una giovane Beth, orfana del Kentucky, diventare dipendente dai tranquillanti dati ai bambini del suo orfanotrofio dallo stato, mentre sale tra i ranghi del mondo degli scacchi. Mentre Beth diventa sempre più famosa per le sue capacità, il suo stato mentale inizia a deteriorarsi.

La descrizione ufficiale di The Queen’s Gambit, che uscirà il 23 ottobre su Netflix, recita: “Basato sul romanzo di Walter Tevis, il dramma in serie di Netflix è una storia di formazione che esplora il vero costo del genio. Abbandonata e affidata a un orfanotrofio del Kentucky alla fine degli anni ’50, Beth Harmon (Anya Taylor-Joy) scopre un sorprendente talento per gli scacchi mentre sviluppa una dipendenza dai tranquillanti forniti dallo stato come sedativo per i bambini. Perseguitata dai suoi demoni personali e alimentata da un cocktail di narcotici e ossessione, Beth si trasforma in un’emarginata straordinariamente abile e affascinante, determinata a conquistare i confini tradizionali stabiliti nel mondo degli scacchi competitivi dominato dagli uomini”.

Insieme a Taylor-Joy, The Queen’s Gambit vede nel cast anche Marielle Heller, Thomas Brodie-Sangster, Moses Ingram, Harry Melling e Bill Camp.

La serie limitata è stata scritta e diretta dal candidato all’Oscar, Scott Frank, che ha co-creato lo spettacolo con William Horberg e Allan Scott. Frank, Horberg e Scott sono tutti produttori esecutivi.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: