Aquaman and the Lost Kingdom: Jason Momoa rivela che il film sarà più divertente del primo

Con il primo elogiato per il suo tono più leggero, Jason Momoa afferma che Aquaman and the Lost Kingdom seguirà le orme del suo predecessore e sarà più divertente del film originale. Momoa tornerà a guidare il cast del sequel del film del DC Extended Universe insieme ai colleghi veterani del franchise Amber Heard, Willem Dafoe, Patrick Wilson, Dolph Lundgren, Yahya Abdul-Mateen II, Temuera Morrison, Nicole Kidman, Randall Park e Ben Affleck. Il film segnerà anche il debutto nel DCEU di Jani Zhao, Indya Moore e Pilou Asbæk.

I dettagli della trama di Aquaman e il Regno Perduto sono attualmente tenuti nascosti, anche se si prevede che l’eroe titolare affronterà ancora una volta il Black Manta di Abdul-Mateen II.

James Wan è tornato al timone e si è riunito con il precedente scrittore di Aquaman, David Leslie Johnson-McGoldrick, che ha scritto la sceneggiatura di una storia sviluppata da lui stesso, Wan, Momoa e Thomas Pa’a Sibbett. A causa della pandemia di COVID-19 in corso, Aquaman and the Lost Kingdom ha visto la sua data di uscita ritardata mentre i suoi grandi effetti visivi vengono elaborati da remoto, anche se una stella sta cercando di mantenere alte le aspettative per il suo arrivo.

Di recente su GQ, Jason Momoa ha anticipato un po’ di ciò che verrà da Aquaman and the Lost Kingdom. La star ha scherzato sul fatto che il sequel del DCEU sarà molto più divertente del film originale e presenterà un tono di “ritorno al passato”, anche se ha taciuto su ulteriori dettagli.

“Mi diverto molto con… c’è un sacco di… È un ritorno al passato… non voglio svelare troppo. Ma possiamo davvero accelerare ciò che accadrà a questa terra, e non è a causa degli alieni.”

Ma non saranno solo grasse risate e intrattenimento. Nell’intervista a GQ Magazine, Momoa ha rivelato che il film includerà una scena in cui Arthur appare davanti all’Assemblea delle Nazioni Unite e pronuncia un discorso agghiacciante su un disastro imminente che minaccia il mondo.

L’attore ha anche suggerito che il film affronterà l’attuale situazione del mondo reale, e il danno causato al pianeta dagli esseri umani. Anche se non esplicitamente dichiarato, sembra che le preoccupazioni in questione siano il cambiamento climatico e l’inquinamento, che stanno mettendo a rischio la Terra.

“Aquaman è il supereroe più preso in giro al mondo. Ma è incredibile essere in grado di portare consapevolezza di ciò che sta accadendo al nostro pianeta. Non è una storia che è stata raccontata più e più volte, [è un] film su ciò che sta accadendo in questo momento, ma in un mondo fantastico.”

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: