Army of the Dead: alcuni dettagli circa il film Netflix diretto da Zack Snyder

Army of the Dead introduce un nuovo, mondo post-apocalittico a tema zombie pronto per proporre qualcosa di nuovo. Tuttavia, presenta alcune differenze importanti rispetto a ciò a cui il pubblico è abituato a vedere quando cerca le tradizionali storie con zombie come La notte dei morti viventi di George A. Romero e il programma televisivo The Walking Dead.

Il regista dietro Justice League, 300, Man of Steel e il remake di Dawn of the Dead ha scritto e diretto Army of the Dead per Netflix, che è descritto come un heist-movie ambientato nel bel mezzo di un’apocalisse zombie. L’esercito dei morti, che uscirà sul servizio di streaming il 21 maggio, vedrà un team di mercenari guidati dallo Scott Ward di Dave Bautista affrontare una pericolosa missione a Las Vegas, brulicante di zombie. Un colpo andato storto farà sì che Ward ei suoi alleati vengano coinvolti in una battaglia con le orde. Per sopravvivere agli umani (e agli animali) zombificati, dovranno fare lavoro di squadra e mettere insieme un’arsenale di armi per uccidere le creature, che sembrano essere più intelligenti degli zombi tradizionalmente lenti e senza cervello.

Il mondo costruito nella storia di Snyder è già confermato essere diviso in più film. Sarà anche al centro di un film prequel intitolato Army of Thieves e di una serie anime intitolata Army of the Dead: Lost Vegas, che servirà come spin-off del primo film. A seconda del successo di questi progetti, più storie ambientate nel suo mondo potrebbero essere raccontate in futuro e costruite attorno agli eventi della sua sequenza temporale.

Ma quali sono i dettagli della storia che Zack Snyder ha creato per Army of the Dead e la sua versione dell’apocalisse zombi?

A quanto pare il virus ha origine all’Area 51. I dettagli su come sono stati creati gli zombi non sono ancora noti, ma è stato confermato dallo stesso Snyder che l’epidemia inizia nell’Area 51, la struttura governativa altamente segreta in Nevada, che ha attratto svariati tipi di complotti. Ciò che questo suggerisce è che potrebbe essere il prodotto di esperimenti scientifici. Ad ogni modo, è attualmente considerato un mistero. È possibile che qualcuno nell’Area 51 abbia progettato il virus zombie e poi si sia diffuso in seguito. Una reazione a catena avrebbe potuto portare alla creazione di una moltitudine di creature non morte.

In qualche modo, gli zombi di Army of the Dead sono più che letali mangiatori di carne umana. Con i loro riflessi potenziati, possiedono la capacità di schivare e anticipare gli attacchi. Inoltre, possono comunicare tra loro. Gli zombie possono chiamare gli altri e possono persino essere guidati da una sorta di “capo” che li dirige come fossero un branco. Gli zombie nel trailer possono essere visti radunarsi per combattere gli umani e fare affidamento sul loro numero per prevalere. Inoltre, sembra che potrebbe esserci una catena di comando di qualche tipo, poiché gli zombie rispondono ai leader noti come Alpha, come un branco di lupi. Se è così, sarebbe indicativo di quanto sono avanzati come specie. A rendere questo esercito di non morti ancora più difficile da affrontare è il fatto che alcuni di loro sono animali. Nel trailer infatti possiamo vedere cavalli e tigri zombie.

Secondo Snyder, l’origine degli zombie di Army of the Dead verrà esplorata nella scena di apertura del film, quindi sembra improbabile che il film Netflix trascorra molto tempo su questo argomento. Detto questo, l’origine del virus verrà comunque esplorata in seguito. Dovrebbe essere al centro della storia di Army of the Dead: Lost Vegas, che si svolgerà durante i primi giorni dell’apocalisse. Presumibilmente, lo spettacolo esplorerà le vite dei personaggi che erano lì quando tutto è iniziato. Molti personaggi del cast principale di Army of the Dead, come quelli di Baustita, Ella Purnell, Omari Hardwick e Ana de la Reguera, sono parte anche nella serie prequel anime.

Comunque, anche se si parla di apocalisse zombie, pare che l’epidemia sia stata arginata e contenuta a Las Vegas, a seguito di una guerra.

Nel trailer di Army of the Dead, la squadra di Ward supera una barricata e posa gli occhi su una città invasa dagli zombi. Ce ne sono centinaia se non migliaia per le strade di Las Vegas. Nella backstory del mondo di Army of the Dead, pare che i vari infetti siano stati raggruppati in un’area chiusa perché il governo è riuscito a contenere l’epidemia lì a Las Vegas. Sono lì da così tanto tempo che sono riusciti a trasformare la città in una desolata rovina. Come rivelato dal trailer, il modo in cui gli Stati Uniti sono riusciti a bloccare il proliferare degll’infezione, è stato attraverso la loro potenza di fuoco militare. Furono lanciati attacchi aerei sugli zombie e, a un certo punto, furono usati container per chiudere la città e impedirgli di uscire e diffondere il virus in qualsiasi altra parte del paese. La sorpresa che alcuni personaggi esprimono nel vederli lascia intendere che il contenimento dell’epidemia sia stato per lo più riuscito.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: