Army of the Dead: Dave Bautista, i temi del film, l’Area 51 e due nuove immagini dal film Netflix

Come sappiamo, Zack Snyder ha sviluppato un heist-movie a tema zombie per Netflix, e tanti fan del regista e non stanno attendendo di poter vedere la pellicola spasmodicamente.

Snyder ha recentemente rivelato due nuove immagini e alcuni nuovi dettagli. Army of the Dead è esattamente quello che dice mostrano le immagini, un film su una squadra che si riunisce per infiltrarsi in un casinò di Las Vegas nel mezzo di un’apocalisse zombi. Il film si svolge dopo che una piaga è stata rilasciata dall’Area 51 del Nevada, che il governo degli Stati Uniti riesce a malapena a contenere costruendo un muro intorno a Las Vegas, ormai invasa dagli zombi. Ma Snyder ha detto a EW che c’è di più in questo film che un semplice mash-up di generi:

“È un vero e proprio film sulle rapine e sugli zombi, quindi è un fantastico insieme di generi. Quindi ti aspetti il puro caos a tema zombi, e lo ottieni al 100 percento. Ma ottieni anche questi personaggi davvero fantastici in un viaggio fantastico. Sorprenderà le persone che ci sia molto calore e vera emozione con questi fantastici personaggi.”

Un film su una rapina ambientato in un mondo flagellato dagli zombie? Sembra stranamente simile a un recente film sugli zombi: Peninsula, il sequel di Train to Busan in cui i personaggi tentano di infiltrarsi in una Corea del Sud invasa dagli zombi per trovare un camion carico di soldi.

Ma Snyder ha rivelato di aver avuto l’idea di Army of the Dead poco dopo aver terminato il suo remake datato 2004 del classico horror di George A. Romero, Dawn of the Dead. L’idea è stata proposta alla Warner Bros. ed è rimasta per un po’ nell’inferno dello sviluppo. È stato allora che Netflix è intervenuto, dando il via libera con entusiasmo al film e persino finanziando una serie prequel animata di quattro ore.

Snyder ovviamente non ha rivelato troppi dettagli su Army of the Dead, anche se ha confermato che gli stessi zombi saranno “i sanguinari caotici” ma anche “un altro livello di zombi“. Il regista ha anche suggerito che ci saranno alcune sfumature politiche, tra cui “metafore sull’immigrazione, il consumismo e un presidente sciovinista“.

“C’erano molte cose nel film riguardo a ciò che stava accadendo lungo il confine. E c’è una frase in cui il presidente dice che farà bombardare la città di Las Vegas per porre fine alla piaga degli zombi, il 4 luglio.”

Riguardo il suo eroe principale, Snyder ha contattato Dave Bautista (Guardiani della Galassia), che ha subito detto il contrario di sì: “Ho detto che non ero interessato”, ricorda Bautista. “Avevo questo obbiettivo, stavo cercando [ruoli drammatici] più succosi. Poi ho letto la sceneggiatura ed era molto più profonda e aveva più strati di quanto pensassi. E inoltre, ad essere sincero, volevo lavorare con Zack”.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: