Avatar: La Via dell’Acqua, John Landau anticipa tre nuove creature che vedremo nel film

Il produttore di Avatar: La Via dell’Acqua, John Landau, fornisce maggiori dettagli sulle nuove creature acquatiche di Pandora.

Leggi anche: ecco il teaser trailer dell’attesissimo film di James Cameron

Quando il trailer del film Avatar 2 è uscito, gli spettatori hanno potuto dare una prima occhiata al mondo sottomarino che il regista James Cameron creerà con il sequel. A differenza del primo film, che ha in gran parte introdotto gli spettatori alle specie terrestri originarie di Pandora, il pianeta immaginario in cui si svolge Avatar, questo nuovo film sembra avere ampie sequenze subacquee.

Avatar: La Via dell’Acqua vedrà il ritorno degli attori Sam Worthington e Zoe Saldaña nei panni rispettivamente di Jake Sully e Neytiri, insieme a nuovi attori come Michelle Yeoh, Kate Winslet e Jemaine Clement.

Avatar 2 è stato uno dei sequel più attesi del 21° secolo. Cameron ha promesso per la prima volta un seguito di Avatar poco dopo l’uscita del primo film, annunciando in seguito altri due sequel. Da allora è stato aggiunto un altro sequel (Avatar 5), anche se le date di uscita dei film hanno subito enormi ritardi. Per le riprese di Avatar: La Via dell’Acqua, Cameron ha dovuto padroneggiare la tecnologia di acquisizione del movimento subacquea per rappresentare le sequenze sotto l’acqua con la stessa qualità della CGI per la quale è stato elogiato il primo film.

Esplorando le creature in CGI che abitano il mondo sottomarino di Avatar 2, il produttore Landau ha spiegato alcuni dei nuovi animali di Pandora in una recente intervista con Empire.

Molte di queste creature condividono qualità simili agli animali che si trovano sulla Terra, ma hanno caratteristiche uniche nel mondo Pandora. Le nuove specie includono il tulkun, skimwing e ilu. Il tulkun e lo skimwing possono essere visti nel trailer, il primo un’enorme creatura simile a una balena e il secondo viene mostrato mentre nuota in battaglia. Gli ilu sono creature che sono già state viste in anteprima a Disney World. Landau paragona l’ilu a “l’equivalente acquatico di un pa’li” e chiama le creature “più giocose degli skimwings”.

“L’idea era quella di creare una creatura che fosse sulla scala di Pandora. Un tulkun è lungo circa 90 metri. Sono una specie senziente e intelligente a modo loro, come lo sono i Na’vi. […] [Uno skimwing è] come un gigantesco pesce volante ma vive la propria vita nell’acqua: la sua coda è la sua propulsione. I Metkayina [tribù dell’acqua] e tutta la gente della barriera corallina li usano come cavalcature militari quando entrano in combattimento. Possono andare a 60 miglia all’ora per infiniti periodi di tempo.”

Stando a Landau, il viaggio attraverso tutti e quattro i film creerà una saga interconnessa quindi, ma ogni film funzionerà anche come preso a se stante.

Il sequel sembra ancora più sbalorditivo nella sua “grafica blu intenso” rispetto al film del 2009. Tante creature nuove: vediamo i Na’vi su pesci volanti, uccelli, creature che comunicano con una balena, eppure in qualche modo divisi nonostante la loro affinità con la natura. Le persone aliene sono divise, combattono l’una contro l’altra in una lotta tra pistole e frecce. È davvero un mondo completamente nuovo che alza la posta in gioco del precedente film 3 volte vincitore di Oscar.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: