Avatar: The Last Airbender, l’interprete di Iroh parla dell’approccio maturo che avrà l’adattamento live-action

L’attore Paul Sun-Hyung Lee si sente abbastanza fiducioso circa l’approccio maturo di Netflix al suo adattamento live-action di Avatar: The Last Airbender.

Leggi anche: alcune foto leak dal set mostrano la Northern Water Tribe e la Fire Nation

Sun-Hyung Lee, forse meglio conosciuto per le sue interpretazioni nella sitcom canadese di successo Kim’s Convenience e The Mandalorian, recita nella serie in uscita nei panni di Iroh, lo zio di buon cuore del travagliato principe della Nazione del Fuoco, Zuko, che cerca di fare da mentore a suo nipote per fargli prendere una strada migliore di quella di suo padre.

Gordon Cormier guida il cast di Avatar: The Last Airbender nel ruolo del protagonista insieme a Kiawentiio Tarbell, Ian Ousley, Dallas Liu, Elizabeth Yu, Daniel Dae Kim, Maria Zhang, Ken Leung e Yvonne Chapman.

Originariamente creato da Michael Dante DiMartino e Bryan Konietzko, Avatar: The Last Airbender è ambientato in un mondo asiatico diviso in quattro regioni, ognuna delle quali ha l’abilità di controllare uno dei quattro elementi naturali. La serie si concentra principalmente sul dodicenne Aang, l’ultimo dei nomadi dell’aria che viene svegliato dai ghiacci dai fratelli della tribù dell’acqua meridionale, Katara e Sokka, e intraprende un viaggio con i due per ottenere controllo su tutti e quattro gli elementi per portare la pace nel mondo mentre la Nazione del Fuoco continua a devastarlo.

Albert Kim, ex di Sleepy Hollow, è a capo della serie live-action Avatar: The Last Airbender e una star sta dando un’idea di come si sta avvicinando al materiale.

In una recente intervista con ComicBook, la star Paul Sun-Hyung Lee ha offerto nuovi dettagli sull’adattamento di live-action Avatar: The Last Airbender in produzione. L’attore dello zio Iroh ha anticipato che il team creativo sta adottando un approccio più maturo alla serie Netflix, in linea con i temi delle ultime stagioni del materiale animato.

“Siamo sinceri, la prima stagione della serie animata era orientata verso i bambini piccoli, ma man mano che i libri andavano avanti, i temi sono diventati molto più maturi anche se era sempre presente quella vena stravagante, ma i temi erano molto più profondi e gli archi narrativi dei personaggi si sono fatti molto più maturi. Quella qualità è ciò che stanno cercando di portare nella prima stagione.”

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: