Avengers: Endgame, gli sceneggiatori a proposito delle scene fan-service

C’è voluto oltre un decennio di produzione cinematografica, con oltre 20 film, ma i fan dei supereroi hanno finalmente avuto un’epica battaglia tra i più potenti eroi della Terra e il Titano pazzo nel finale clamoroso di Avengers: Endgame.

In un film che ha lasciato assaporare momenti del passato, ci sono stati molti momenti che hanno celebrato l’eredità dei Marvel Studios.

Una scena in particolare che si è svolta nella battaglia alla fine del film, quando alcuni dei più forti battitori della scuderia dei Marvel Studios si sono riuniti attorno a Spider-Man e Captain Marvel nel tentativo di proteggere il guanto dell’infinito creato da Stark dalle forze di Thanos, è stata al centro di alcune recenti discussioni.

La scena di cui parlo vede le super-eroine fare team-up, cosa che è stata ben accolta da molti spettatori, ma una volta online la discussione ha portato alla luce alcuni detrattori. Gli sceneggiatori di Avengers: Endgame tuttavia non si sono preoccupati di quelle critiche, in quanto la scena è stata una delle loro preferite nel film.

“Questi film sarebbero inesistenti senza i fan, quindi, sai, un film che è fatto per frustrare i fan sembra un po ‘suicida”, ha detto a Variety il co-sceneggiatore Christopher Markus. “La gente dice che il fan-service è fatto per assecondare i fan. Voglio dire, abbiamo visto di tutto in questi film. I fan sono la maggioranza a questo punto. Il fan-service sta semplicemente onorando le storie che sono arrivate prima. Non è come se stessimo tirando fuori un piccolo easter egg che solo tre persone avrebbero capito: abbiamo solo legato i fili raccogliendo le sfumature che sono state mostrate prima, non lo vedo come tipo di scrittura fatto per una nicchia di persone.”

Il co-sceneggiatore Stephen McFeely ha detto che tutte le donne dell’ufficio di produzione e della crew si sono fatte strada sul set il giorno in cui hanno filmato quella scena, raccogliendosi dietro la cinepresa per vedere la sequenza finita.

“Erano pompate, ci sono state molte circostanze del genere”, ha detto McFeely. “Abbiamo certamente pensato a lungo e duramente il tutto sarebbe stato di guadagnato. Volevamo davvero che la maggior parte di questi momenti apparisse epica, e non solo come un delizioso pacchetto di caramelle. Onestamente, il tutto mi rendeva nervoso e, a volte, la tiravamo su e dicevamo: ‘La teniamo? Non lo teniamo?’. Tutti volevano lasciare quel momento nel film.”

Leggi anche: RECENSIONE – Avengers: Endgame

Il grave ciclo di eventi messo in atto da Thanos che ha spazzato via metà dell’universo e fratturato i ranghi dei Vendicatori, costringe i rimanenti a prendere una posizione finale nella grande conclusione di ventidue film dei Marvel Studios, Avengers: Endgame.

Avengers: Endgame uscirà nelle sale italiane il 24 aprile 2019, con Anthony e Joe Russo alla regia, su una sceneggiatura di Christopher Markus e Stephen McFeely, basato sui fumetti di Jack Kirby e Jim Starlin e prodotto da Kevin Feige.

Nel cast Robert Downey Jr. (Tony Stark / Iron Man), Chris Evans (Steve Rogers / Capitan America),Chris Hemsworth (Thor), Scarlett Johansson (Natasha Romanoff / Vedova Nera), Jeremy Renner (Clint Barton / Occhio di Falco), Mark Ruffalo (Bruce Banner / Hulk), Brie Larson (Carol Danvers / Capitan Marvel), Karen Gillan (Nebula), Bradley Cooper (Rocket Racoon), Paul Rudd (Scott Lang / Ant-Man), Ty Simpkins (Harley Keener) e Josh Brolin (Thanos).

La fotografia è a cura di Trent Opaloch, mentre la colonna sonora è composta da Alan Silvestri.