Avengers: Infinity War, Anthony Mackie rivela che Mark Ruffalo era un problema sul set

Mark Ruffalo è certamente conosciuto per essere un attore dal talento straordinario, e volendo essere sinceri non è l’unico in tutto il cast di Avengers: Infinity War, ma a quanto pare il suo essere bravo anche ad improvvisare ha dato qualche noia sul set del cinecomic. Stando infatti a quanto detto da Anthony Mackie, interprete di Falcon, la sua tendenza ad improvvisare è velocemente diventata un problema sul set.

“Beh, il problema più grande è stato Ruffalo”, ha detto l’attore. “Mark Ruffalo è un’istituzione di problemi. Ha preso ha fare una serie di cose ridicole sul set, disturbava le persone e ti pizzicava in posti imbarazzanti. È divertente, ma è anche un problema.”

Mentre l’improvvisazione potrebbe in effetti sembrare qualcosa che potrebbe intralciare le riprese, pare che questo problema sia stato mitigato dal fatto che Avengers: Infinity War ha molte scene d’azione, in cui naturalmente non è così facili improvvisare come aggiungere poche righe qui o lì. Tuttavia, secondo Mackie, Ruffalo è riuscito a improvvisare anche in quel contesto:

“No, lo faceva anche in quel caso! Era capace di partire rapidamente ed all’improvviso col gancio sinistro. Fortunatamente abbiamo degli ottimi stuntman e letteralmente, non appena arrivavamo nella posizione di lotta, loro urlavano ‘cut!’, e gli stuntman prendevano il nostro posto. Loro cadono, noi saltiamo dentro nuovamente.”

Questo modo di fare scanzonato non è nuovo per Anthony Mackie, che si è visto protagonista spesso di alcuni scherzi a Tom Holland e Sebastian Stan, ma le baracconate di Ruffalo lasciano certamente a bocca aperta. In senso buono, naturalmente.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: