Avengers: Infinity War, cosa grida l’esercito del Wakanda nel nuovo spot?

Ieri i Marvel Studios hanno rilasciato un nuovo spot televisivo ricco di scene inedite, tra le quale abbiamo visto un tenero incontro di Steve e Bucky presumibilmente guarito da cosa l’Hydra gli aveva infilato nella testa, ma sopratutto abbiamo visto il Wakanda ed il suo esercito in una sequenza davvero particolare.


RECENSIONE – Black Panther


Nel filmato, che potete comodamente cliccando sul link, vediamo le forse del Wakanda schierato assieme al loro leader, il re T’Challa, la Pantera Nera, interpretato da Chadwick Boseman. Nella sequenza, poco prima di caricare verso quelle che immaginiamo siano le truppe di Thanos, li sentiamo urlare ripetutamente una parola assieme al loro re, e questa parola, che pare quasi recitata cantilenando, è “yibambe”, che a quanto pare ha un significato anche del mondo reale.

Per chi non lo sapesse (e si, ce ne sono di persone), il Wakanda è uno stato immaginario dell’Africa ma la lingua parlata è reale. Il “wakandiano” è in realtà isiXhosa, una lingua di Buntu che è una delle 11 lingue ufficiali del Sud Africa oltre ad una delle 16 lingue dello Zimbabwe. A seconda del traduttore che usi, “yibambe” è una parola autonoma o parte di un paio di frasi – che includono “yibambe icimile” e “yibambe amandala” – che rispettivamente significano “resistete” o “tenetevi pronti“, quindi con il contesto della scena possiamo interpretarlo quasi come un “rimanete in posizione“.

La cosa affascinante dei wakandiani che parlano una lingua veramente esistente nell’Africa reale è solo un’altra delle particolarità che rendono Black Panther ed il mondo dal film creato una vera perla. In maniera analoga a come i costumi sono stati creati, stando a quanto detto proprio dalla costumista.

La scelta di una vera lingua africana porta uno strato di profondità ed autenticità alla nazione immaginaria, e la scelta di usare la lingua Xhosa è stata ispirata, in parte, da un viaggio del regista di Black Panther, Ryan Coogler, in Sud Africa prima di girare il film, assieme all’attore John Kani che ha interpretato T’Chaka in Captain America: Civil War e Black Panther. L’allenatore dialettale Beth McGuire ha dichiarato a che, poiché Kani è un oratore nativo di Xhosa, usare la lingua ha un senso.