Avengers: Infinity War, formato classico contro formato IMAX in un particolare video

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

Da qualche anno nel mondo del cinema è arrivata una nuova tecnologia che anche se per molti la differenza non esiste, per chi ha un occhio più attento è semplice riconoscere dove questa differenza stia.

Molti film di questi tempi vengono girati in IMAX, e quindi quando escono al cinema è bene che si vedano in sale che permettono allo spettatore di fruire di uno schermo con aspect ratio a 1.90:1 invece del classico 2.39:1.

So che per molti queste parole potrebbero sembrare arabo, quindi per spiegarvi la cosa semplicemente qui sotto vi portiamo un video che mette a confronto il trailer finale di Avengers: Infinity War già uscito con quello uscito oggi che sfrutta la tecnologia IMAX.

Avengers: Infinity War uscirà nelle sale il 25 aprile 2018, con Joe e Anthony Russo alla regia su una sceneggiatura di Christopher Markus e Stephen McFeely.

Nel cast Robert Downey Jr. (Tony Stark/Iron Man), Chris Evans (Steve Rogers/Capitan America), Mark Ruffalo (Bruce Banner/Hulk), Chris Hemsworth (Thor), Scarlett Johansson (Natasha Romanoff/Vedova Nera),  Jeremy Renner (Clint Barton/Occhio di Falco), Don Cheadle (James Rhodes/War Machine), Elizabeth Olsen (Wanda Maximoff/Scarlet Witch), Paul Bettany (Visione), Tom Holland (Peter Parker/Spider-Man), Paul Rudd (Scott Lang/Ant-Man), Sebastian Stan (Bucky Barnes/Soldato d’Inverno), Benedict Cumberbatch (Doctor Stephen Strange), Benedict Wong (Wong), Chris Pratt (Peter Quill/Star-Lord), Bradley Cooper (Rocket Racoon), Zoe Saldana (Gamora), Dave Bautista (Drax), Vin Diesel (Groot), Karen Gillan (Nebula), Pom Klementieff (Mantis), Benicio Del Toro (il Collezionista), Danai Gurira (Okoye), Isabella Amara (Sally), Winston Duke (M’Baku) e Josh Brolin (Thanos).

Thanos sarà affiancato anche dall’Ordine Nero, composto da Ebony Maw, Corvus Glave, Proxima Midnight e Supergiant. La fotografia sarà a cura di Trent Opaloch, mentre la colonna sonora porterà la firma di Alan Silvestri.