Avengers: Infinity War, la Santuario II presenta un riferimento agli Eterni?

Il Marvel Cinematic Universe è un universo vero e proprio, con tantissimi personaggi e elementi presi direttamente dai celebri fumetti creati da grandi come Stan Lee, Jack Kirby, Steve Ditko e chi ne ha più ne metta, e, anche se molti di essi non sono ancora apparsi sul grande schermo, moltissimi sono gli elementi che sembrano riferirsi a questi personaggi ancora da trasporre. Basti pensare al fatto che, secondo alcune teorie, Cull Obsidian, in Avengers: Infinity War, sembra portare alla cinta un pezzo del costume di Capitan Marvel, il cui film uscirà a marzo dell’anno prossimo. Di questi riferimenti teorici, e non, ce ne sono a tonnellate, dato che parliamo di un franchise cinematografico composto da quasi 20 film, e quest’oggi ecco che ne salta fuori un altro molto interessante.

Al centro della questione abbiamo sempre il film diretto dai fratelli Russo citato poco fa, il quale sembra avere un riferimento agli Eterni, esseri umani resi praticamente degli dei attraverso una manipolazione genetica ad opera dei Celestiali (e questi sono praticamente dei veri dei), che avranno un film tutto loro in uscita nel 2020. L’idea che Infinity War possa avere un riferimento a questi personaggi è partito, indovinate un po’, da un concept art estrapolato da Marvel’s Avengers: Infinity War – Art of the Movie, libro contenente tutti i vari concept art realizzati per il mega-crossover, dal quale, negli ultimi giorni, stanno uscendo una valanga di concept veramente belli e interessanti. Ad ogni modo, il concept in questione mostra la Santuario II, la nave di Thanos, che sembra esser stato costruita proprio dagli Eterni. Non è tanto il concept in sé a farcelo pensare, bensì la dichiarazione riportata accanto di Robert Castro, uno degli artisti che ha creato queste meraviglie, che dichiara:

La Santuario II è l’astronave di Thanos, Charlie Wood e i Russo volevano mostrare la personalità e il potere del villain attraverso la nave. E’ pensata come qualcosa a metà fra un santuario e una nave da guerra spaziale, e la sfida era trovare un look sia aggressivo che sofisticato. Abbiamo abbandonato l’idea di utilizzare metalli classici e ci siamo orientati su qualche materiale sconosciuto, qualcosa realizzato in tempi antichi.

L’ultima parte della dichiarazione fa parecchio riflettere. Certo, alla fine potrebbe essere qualsiasi cosa, ma chi conosce bene i fumetti Marvel sa che il pianeta di Titano, casa di Thanos, come si vede anche nel film, venne inizialmente conolizzato proprio dagli Eterni, e non a caso Thanos è uno di loro, anzi, è considerato essere il più potente tra questi. Quindi è più che plausibile pensare che la Santuario II sia stata costruita secoli e secoli fa da questi esseri superiori.

Avengers: Infinity War – Sanctuary II


[amazon_link asins=’B07CJ7MPT9,B00803DDN0,B00WT2JRF6,B07F6K1B55,B07CJDSYQR,B07HMFM2SY,B079PQ7T6B,8891237205,8891223824,8891220256′ template=’ProductCarousel’ store=’cinespression-21′ marketplace=’IT’ link_id=’399953f3-e50f-11e8-b265-4db2cdfa4aed’]


Avengers: Infinity War è un film del 2018, con Joe e Anthony Russo alla regia su una sceneggiatura di Christopher Markus e Stephen McFeely. Nel cast Robert Downey Jr. (Tony Stark/Iron Man), Chris Evans (Steve Rogers/Capitan America), Mark Ruffalo (Bruce Banner/Hulk), Chris Hemsworth (Thor), Scarlett Johansson (Natasha Romanoff/Vedova Nera),  Don Cheadle (James Rhodes/War Machine), Elizabeth Olsen (Wanda Maximoff/Scarlet Witch), Paul Bettany (Visione), Tom Holland (Peter Parker/Spider-Man), Sebastian Stan (Bucky Barnes/Soldato d’Inverno), Benedict Cumberbatch (Doctor Stephen Strange), Benedict Wong (Wong), Chris Pratt (Peter Quill/Star-Lord), Bradley Cooper (Rocket Racoon), Zoe Saldana (Gamora), Dave Bautista (Drax), Vin Diesel (Groot), Karen Gillan (Nebula), Pom Klementieff (Mantis), Idris Elba (Heimdall), Benicio Del Toro (il Collezionista), Danai Gurira (Okoye), Winston Duke (M’Baku), Peter Dinklage (Eitiri) e Josh Brolin (Thanos). Thanos sarà affiancato anche dall’Ordine Nero, composto da Ebony Maw, Corvus Glaive, Proxima Midnight e Cull Obsidian. La fotografia sarà a cura di Trent Opaloch, mentre la colonna sonora porterà la firma di Alan Silvestri.