Avengers: Infinity War, rilasciate foto bts della scena post-credits [SPOILER]

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

ATTENZIONE L’ARTICOLO CONTIENE SPOILER SUL FILM!!

Le scene mid e post-credits sono divenuta una tradizione per tutti i film dei Marvel Studios, sin da quando nel 2008 apparve Samuel L. Jackson nei panni di Nick Fury, annunciando l’arrivo dei Vendicatori sul grande schermo. La scene post e mid-credits di Avengers: Infinity War erano una vera e propria incognita. Questo perché, fino a questo momento, quasi tutte le scene dopo i titoli di coda dei film servivano come teaser proprio per Infinity War, ma ora che questo film è uscito che cosa ci poteva mostrare una scena posto mid-credits?

Alla fine i fratelli Russo hanno inserito soltanto una scena post-credits, e che ha assunto la funzione di teaser per Captain Marvel, come molti, tra cui il sottoscritto, avevano ipotizzato. Una scena molto bella non solo per essere il teaser di un film che tutti noi non vediamo l’ora di vedere, ma anche perché ci mostra la morte di Maria Hill e Nick Fury, causata dallo schiocco di dita ad opera di Thanos.

Durante un’intervista con ART of VFX, il direttore degli effetti speciali Oliver Schulz, che lavora per la RISE, agenzia incaricata per curare gli effetti visivi di Infinity War, ha parlato degli effetti utilizzati nelle scene ambientate a Central Park a inizio film, della scena in cui T’Challa dà il braccio nuovo a Bucky, della scena sul pianeta Vormir, di alcune inquadrature dentro il Quinjet e della scena post-credits prima citata. Riguardo quest’ultima sono state rilasciate delle immagini ad alta definizione che ci mostrano il lavoro di effetti visivi che c’è stato dietro questa brevissima sequenza. In particolare, Schulz ha rivelato che tutta la sequenza di Fury che inizia a sgretolarsi, a partire dal momento in cui si vede solo il suo braccio fino alla fine, è stata realizzata interamente in digitale. Quindi bisogna lodare il magistrale montaggio che ha nascosto questo particolare.

Qui di seguito trovate tutte le immagini in questione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Che ne pensate? Vi ha gasato come scena post-credits?


[amazon_link asins=’B00803DDN0,B00WT2JRF6,B01F3SKTNQ,B07CJDSYQR’ template=’ProductCarousel’ store=’cinespression-21′ marketplace=’IT’ link_id=’a9b04c28-53a6-11e8-ae74-a36e66f1b413′]


Avengers: Infinity War è un film del 2018, con Joe e Anthony Russo alla regia su una sceneggiatura di Christopher Markus e Stephen McFeely. Nel cast Robert Downey Jr. (Tony Stark/Iron Man), Chris Evans (Steve Rogers/Capitan America), Mark Ruffalo (Bruce Banner/Hulk), Chris Hemsworth (Thor), Scarlett Johansson (Natasha Romanoff/Vedova Nera),  Jeremy Renner (Clint Barton/Occhio di Falco), Don Cheadle (James Rhodes/War Machine), Elizabeth Olsen (Wanda Maximoff/Scarlet Witch), Paul Bettany (Visione), Tom Holland (Peter Parker/Spider-Man), Paul Rudd (Scott Lang/Ant-Man), Sebastian Stan (Bucky Barnes/Soldato d’Inverno), Benedict Cumberbatch (Doctor Stephen Strange), Benedict Wong (Wong), Chris Pratt (Peter Quill/Star-Lord), Bradley Cooper (Rocket Racoon), Zoe Saldana (Gamora), Dave Bautista (Drax), Vin Diesel (Groot), Karen Gillan (Nebula), Pom Klementieff (Mantis), Benicio Del Toro (il Collezionista), Danai Gurira (Okoye), Isabella Amara (Sally), Winston Duke (M’Baku) e Josh Brolin (Thanos). Thanos sarà affiancato anche dall’Ordine Nero, composto da Ebony Maw, Corvus Glave, Proxima Midnight e Supergiant. La fotografia sarà a cura di Trent Opaloch, mentre la colonna sonora porterà la firma di Alan Silvestri.

Qui la sinossi:

Infinity War vede i Vendicatori continuare a proteggere il mondo da minacce troppo grandi per essere gestite da un solo eroe. Un nuovo nemico emerge dalle ombre cosmiche: Thanos (Josh Brolin), un despota di fama intergalattica. Il suo obiettivo è quello di radunare tutte le 6 Gemme dell’Infinito, artifatti di potere inimmaginabile, ed usarle per imporre il suo volere sulla galassia e sulla realtà come la conosciamo. Tutto ciò per cui gli Avengers hanno sempre lottato ha condotto a questo momento: il destino della Terra e dell’esistenza stessa non è mai stato così a rischio.