Batwoman: Marc Guggenheim vede “opportunità creative” nella dipartita di Ruby Rose

Sebbene non abbia avuto alcun coinvolgimento nella serie Batwoman, il produttore esecutivo di Arrow, Marc Guggenheim, che è stato lo showrunner degli eventi crossover, è stato fondamentale per introdurre la versione di Ruby Rose durante “Elseworlds”.

Leggi anche: Perché Ruby Rose di Batwoman ha lasciato la serie?

E’ passata da “Elseworlds” al suo show, e poi all’evento Crisi sulle Terre Infinite, prodotto da Guggenheim. All’inizio di questa settimana, Rose ha annunciato che si è allontanata dal ruolo di Kate Kane, mentre Warner Bros. TV e The CW hanno dichiarato che la serie continuerà senza di lei, con il ruolo di Kate che verrà rifuso.

Sostituire un attore protagonista è un sempre affare complicato, sostituirla durante il fermo di produzione causato da una pandemia è uno scenario unico, ma Guggenheim rimane ottimista sul fatto che possano trarne il meglio.

“L’altro giorno stavo parlando con uno degli sceneggiatori di Batwoman e stavamo dicendo che, in questo, c’è una grande opportunità creativa”, ha detto Guggenheim a Collider. “Penso che ci saranno persone si avvicineranno allo show, francamente, solo per vedere come gli scrittori sceglieranno di gestire il problema.

Sono fermamente convinto che ogni volta che si affronta una sfida di produzione – a volte è col cast, mentre altre è solo logistica – ciò rappresenta un’opportunità creativa. Ne parlavo proprio con Beth Schwartz l’altro giorno. Stavamo parlando di come, una volta che la produzione ripartirà post-pandemia, lavoreremo con tutti questi diversi limiti? Ed è esattamente ciò che è presente in quei limiti, in quelle sfide, la possibilità di fare qualcosa di nuovo e diverso, ha permetterci di giocare e trovare una soluzione creativa intelligente. Questa, per me, è la parte divertente del lavoro.”

Leggi anche: 3 fanta-casting per il ruolo di Kate Kane nella seconda stagione

I fan hanno ipotizzato che tipo di stratagemma il DCTV Universo potrebbe usare per far in modo che l’attrice protagonista abbia un volto diverso – terre alternative e altro – e mentre questa una conversazione divertente da tenere, vale anche la pena ricordare che tutti sono utili, ma nessuno è necessario, e quindi il re-casting potrebbe avere luogo anche senza bisogno di grandi sconvolgimenti.

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: