Birds of Prey: Gail Simone definisce il progetto “un film straordinario”

Gail Simone, autrice di fumetti molto amata dai fan della DC e più frequentemente associata a Birds of Prey, ha dato all’adattamento del film il suo sigillo di approvazione, definendolo “un film straordinario”.

Leggi anche: RECENSIONE – Birds of Prey

L’autrice si è rivolta ai social media per riaffermare il suo amore per il film di fronte alle notizie secondo cui aveva ricevuto grandi critiche.

Pur non essendo la creatrice del team Birds of Prey (un onore che appartiene all’editore di DC Comics Jordan B. Gorfinkel), Gail Simone è ampiamente considerata la scrittrice definitiva della serie. Simone ha conquistato il titolo nel 2003 e ha ampliato la sua line-up, introducendo la vigilante Cacciatrice nel mix insieme a Black Canary e Oracle. Simone in seguito ha aggiunto Lady Blackhawk alla serie come guida del team e ha ampliato il concetto di base per includere una squadra rotante di supereroi.

Simone è stata incredibilmente chiara nel dichiarare il suo sostegno al film Birds of Prey negli ultimi mesi sul suo account Twitter personale. Pur non essendo coinvolta nella produzione, Simone ha incontrato entrambe le star del film al Comic Con di New York e ha avuto la possibilità di visitare il set durante la produzione. L’autrice ha parlato in modo particolare di quanto sia rimasta stupita dalla capacità di Margot Robbie di apprendere nuove abilità in breve tempo e ha consegnato elogi speciali per il ritratto di Black Canary di Jurnee Smollett-Bell. L’ammirazione va in entrambe le direzioni, poiché Smollett-Bell ha fatto regolarmente riferimento ai fumetti di Simone durante il tour stampa del film, osservando che aveva letto i fumetti per comprendere meglio il personaggio di Dinah Lance e che amava il lavoro di Simone.

Mentre la stragrande maggioranza dell’affermazione di Simone su Birds of Prey è stata complementare, ha espresso preoccupazione per la versione del film di Cassandra Cain – principalmente che non assomiglia al personaggio dei fumetti.

Simone ha anche riconosciuto che il concept di base di Cassandra Cain era intriso di cliché metaforici e che mentre è stata successivamente sviluppata in un personaggio complesso che ha lottato con l’analfabetismo e problemi di socializzazione, esisteva un certo tipo di rischio attorno al suo concept base in quanto poteva essere visto come uno stereotipo, a discapito di quanto sarebbe stata ben raccontata la sua storia. Tuttavia, ha elogiato la nuova versione del personaggio e dell’attrice Ella Jay Basco.

Alla fine, Simone ha elogiato Birds of Prey, ed ha inoltre incoraggiato i lettori di fumetti a vedere il film e giudicarlo in base ai propri meriti, piuttosto che considerarlo solo attraverso un test di purezza verso il materiale originale, criticando ciò che non è stato inserito nel film.

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: