Birds of Prey: il cast parla di quanto questo film debba molto a Margot Robbie

Birds of Prey: il cast parla di quanto questo film debba molto a Margot Robbie

Una nuova featurette dietro le quinte di Birds of Prey (and the Fantabulous Emancipation of One Harley Quinn) vede il cast e la regista del film parlare della scia di caos di Harley Quinn.

Leggi anche: Margot Robbie rivela la “scelta consapevole” di non inserire il Joker nel film

La star Marot Robbie dà il via, parlando di come Harley incornicia l’intero film: “È molto divertente“, dice. “È una corsa sfrenata e penso che volessimo che le persone avessero un assaggio di come potrebbe essere la vita quando la vedi dal punto di vista di Harley e quando guardi questo film è quello che stai ottenendo. È imprevedibile, fuori di testa ed è disordinata, divertente e pericolosa, violenta, assurda, straziante e commovente. È un po’ di tutto“.

Sì, Harley è pazza“, aggiunge Jurnee Smollett-Bell, che interpreta Black Canary. “È una psicopatica. È eccentrica. È tutte queste cose fastidiose. Ma Margot trova un modo per radicarla in una verità con cui penso possiamo relazionarci“. La regista Cathy Yan poi aggiunge:

“Questo film deve molto a Margot. È stata davvero una sua idea. Lei l’ha proposto. Ha lanciato l’idea di un film con una gang al femminile con Harley Quinn e questo perché credo abbia capito che il personaggio di Harley non è qualcuno che vuole essere mai solo e poi ha sviluppato la sceneggiatura con Christina. Penso che abbia reclutato lei Christina nel processo. Quindi questo è stato un viaggio molto personale per Margot, penso.”

Anche Mary Elizabeht-Winstead, interprete di Cacciatrice, pensa che ci sia la mano di Margot Robbie dappertutto in questo film, “ma allo stesso tempo è riuscita a mantenere la mente lucida per tutto il tempo”. E’ una cosa che a quanto pare ha colpito l’attrice perché ha dovuto approcciarsi al film in tutti i suoi diversi ruoli, da Harley Quinn a produttrice, e con tutti i diversi ruoli che ha dovuto ricoprire sarebbe stato stressando per ciunque. “Era fresca come un cetriolo”, conclude la Winstead.

Leggi anche: la crew parla del costume design, l’aspetto femminista e la violenza nel film

Infine Margot Robbie stessa ha preso la parola dicendo:

“La cosa più eccitante come attore è avere una serie di scelte da fare con il tuo personaggio. Puoi fare qualsiasi cosa quando sei Harley Quinn. Puoi in qualche modo reagire in un modo o in altri 20 modi diversi, e ha sempre senso per il personaggio. Quindi è comunque un ruolo liberatorio e stimolante con cui lavorare. Con la relazione con Mister J c’è ancora molto da fare, ma volevamo vedere com’è Harley quando non ha il conforto di sapere che Mister J si prenderà cura di lei.”

Qui sotto potete vedere la featurette citata:

Vi hanno mai raccontato la storia della poliziotta, dell’usignolo, della pazza e della principessa della mafia? Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn) è un racconto bizzarro di Harley in persona come solo lei sa fare. Quando il più nefasto dei narcisisti di Gotham, Roman Sionis, e il suo zelante braccio destro, Zsasz, decidono di dare la caccia a una giovane ragazza di nome Cass, mettono la città in subbuglio per trovarla. Le strade di Harley, Cacciatrice, Black Canary e Renee Montoya si incrociano e le quattro ragazze non hanno altra scelta se non fare squadra per smontare i piani di Roman.

Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn) uscirà nelle sale italiane il 6 febbraio 2020, con Cathy Yan alla regia, su una sceneggiatura di Christina Hodson, basata sui fumetti di Cuck Dixon, Jordan B. Gorfinkel e Greg Land, e con Margot Robbie, Bryan Unkeless e Sue Kroll come produttori. La fotografia è a cura di Matthew Libatique.

Nel cast Margot Robbie (Harley Quinn), Mary Elizabeth Winstead (Helena Bertinelli / Cacciatrice), Jurnee Smollett-Bell (Dinah Lance / Black Canary), Ella Jay Basco (Cassandra Cain), Chris Messina (Victor Zsasz) e Ewan McGregor (Roman Sionis / Maschera Nera).

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: