Birds of Prey non sarà il classico film corale secondo Christina Hodson e Margot Robbie

Christina Hodson, scrittrice di Birds of Prey (And The Fantabulous Emancipation of One Harley Quinn), afferma che il film del DC Extended Universe non è un film di gruppo tradizionale. Se c’è una cosa su cui i fan e i detrattori di Suicide Squad sembrano concordare, è che la performance di Margot Robbie come Harley Quinn è stata senza dubbio l’elemento più forte del film.

In effetti, dopo l’uscita di Suicide Squad, la Warner Bros. è sembrata molto più interessata a realizzare uno spinoff su Harley Quinn che un sequel diretto (anche se ciò accadrà con The Suicide Squad di James Gunn).

Alla fine, lo studio ha optato per Birds of Prey, un film che unisce Harley alle vigilanti DC note come Cacciatrice (Mary Elizabeth Winstead) e Black Canary (Jurnee Smollett-Bell), così come il loro alleato della polizia di Gotham City, il detective Renee Montoya (Rosie Perez ). Insieme, le quattro affrontano Maschera Nera (Ewan McGregor), un malvagio signore del crimine di Gotham che prende di mira l’adolescente – e futura Batgirl – Cassandra Cain (Ella Jay Basco), con l’aiuto del sadico assassino Victor Zsasz (Chris Messina).

A differenza di Suicide Squad, Birds of Prey non dovrà preoccuparsi di trattenersi a causa del fastidioso rating PG-13.

In passato, la Robbie ha descritto Birds of Prey come un “film per ragazze con Harley“, il che spiega che un film autonomo stand-alone non avrebbe senso per il personaggio dalla mentalità instabile quanto socievole. Hodson, che ha scritto l’acclamato spin-off dei Transformers dell’anno scorso, Bumblebee, ha fatto eco ai suoi commenti in una recente intervista con Total Film dicendo che Margot sapeva che voleva raccontare una storia in stile: “Harley Quinn più altre ragazze. E’ più meno da dove lei ha cominciato. Sapeva che voleva una gang al femminile. Voleva che Harley avesse degli amici”.

Come ha rivelato a Total Film, Hodson ha effettivamente incontrato la Robbie per parlare di alcune idee circa uno spinoff incentrato su Harley Quinn quattro anni fa, prima che Suicide Squad arrivasse nei cinema. Alla fine “gravitarono” verso Birds of Prey, con la Hodson che ha spiegato al tempo che non sarebbe stata una “squadra tradizionale”, allo stesso modo in cui tutto ciò che Harley fa non è esattamente quello che qualcuno chiamerebbe “tradizionale”.

Ciò si è già riflesso nel marketing del film, con il poster di Birds of Prey che abbraccia la stranezza di Harley raffigurando i personaggi che svolazzano attorno alla testa di Robbie (come se fossero uccelli che circondano un personaggio dei cartoni animati stordito). Il teaser, che sta attualmente calcando i cinema, è allo stesso modo insolito in quanto inizia come un falso promo del secondo capitolo di IT prima che “Heads Will Roll” degli Yeah Yeah Yeah dia il via al vero filmato.

In generale, Warner Bros. e DC sono da sempre stati disposti a mescolare elementi nella propria lista di produzione, tra l’eccentrico supereroe visto in Shazam, il film Joker classificato come R che non ha nemmeno luogo all’interno del DCEU. Secondo alcuni, in tal modo hanno finalmente iniziato a raggiungere la Marvel, dopo che il loro tentativo di emulare il successo dell’UCM non è riuscito. Per fortuna, basandoci sugli ultimi commenti della Hodson, questo nuovo approccio non cambierà con Birds of Prey (And The Fantabulous Emancipation of One Harley Quinn), e il film stesso ha il potenziale per essere altrettanto folle come una “squadra” dove figura anche Harley Quinn dovrebbe essere.

Fonte