Black Widow: un interprete del film pare anticipare di essere il primo mutante del MCU

Olivier Richters di Black Widow parrebbe aver confermato di essere il primo mutante del MCU.

Leggi anche: Il produttore di Black Widow parla del probabile futuro di Florence Pugh nel MCU

Dopo una lunga strada per il rilascio, il film solista di Black Widow con Scarlett Johansson è stato finalmente rilasciato all’inizio di questo mese, incassando molto. Il primo film della Fase 4 del MCU, ha illustrato il passato di Natasha Romanoff, oltre a dare ai fan un’idea della sua famiglia surrogata.

Il film ha anche brevemente approfondito il modo in cui l’Unione Sovietica/Russia si occupava dei supereroi e come anche lei si sia sforzata di creare una propria super-squadra. In effetti, il padre surrogato di Natasha, Alexei, è il Guardiano Rosso, la controparte russa di Capitan America.

Bene, si scopre però adesso che Black Widow potrebbe aver introdotto un altro supereroe russo, che potrebbe anche essere il primo mutante del MCU. In una delle scene del film, si vede l’Alexei di David Harbour mentre gioca a braccio di ferro con Ursa Major in prigione, interpretato da Olivier Richters, che perde la partita contro Alexei. I fan più fedeli della Marvel sapranno sicuramente che Ursa Major è un mutante che ha la capacità di trasformarsi in un orso, non troppo dissimile da Bruce Banner che si trasforma in una versione verde e massiccia di se stesso.

Ora sarebbe il momento perfetto per introdurre i mutanti nel MCU, visto che l’accordo tra Fox e Disney è stato risolto. In realtà, questo non sarebbe l’unico riferimento ai mutanti in Black Widow, poiché il film presenta un cenno sfacciato a Wolverine in una sequenza d’azione fondamentale.

Tuttavia, Richters sembra fiducioso di essere il primo mutante nel MCU, come conferma il suo post su Instagram dove ha espresso la sua eccitazione e le sue speranze di interpretare di nuovo Ursa Major, questa volta nella sua forma di orso.

Il film racconta le origini di Natasha Romanoff, ripercorrendo i momenti che hanno portato la giovane ad aderire al programma sovietico Black Widow degli anni ’80, volto a creare delle super agenti assassine. Una Natasha alle “prime armi” viene affidata al KGB, l’agenzia di sicurezza sovietica, per fare di lei una delle sue migliori leve. Il film è ambientato nel lasso di tempo che intercorre tra Civil War e Infinity War ed è la stessa Vedova Nera a ricordare il suo passato, che torna a tormentarla. Decide di affrontare i suoi vecchi demoni, invece di continuare a scappare. È così che Natasha si distacca momentaneamente dagli Avengers per raggiungere la sua vecchia famiglia, formata da Yelena Belova, Melina Vostokoff e Alexei Shostakov, e tornare là dove tutto è iniziato, dove è diventata Black Widow.

Black Widow è uscito nelle sale statunitensi di recente, con Cate Shortland alla regia, su una sceneggiatura di Eric Pearson, con soggetto di Jac Schaeffer e Ned Benson, basata sui fumetti di Stan Lee, Dan Rico e Don Heck, e con Kevin Feige e Mitchell Bell come produttori.

La fotografia è a cura di Gabriel Beristain, mentre la colonna sonora è composta da Lorne Balfe. Nel cast Scarlett Johansson (Natasha Romanoff / Vedova Nera), Florence Pugh (Yelena Belova), David Harbour (Alexei Shostakov / Red Guardian), Rachel Weisz (Melina Vostokoff) e William Hurt (Thaddeus Ross).

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: