Blade Runner 2049: Ridley Scott afferma che il film è troppo lungo

Dopo anni di attesa e tanti, tantissimi, dubbi, finalmente Blade Runner 2049 è arrivato e non solo si è rivelato essere un degnissimo sequel del capolavoro di Ridley Scott uscito nell’82, ma anche uno dei migliori film sci-fi degli ultimi anni, se non di sempre. Tant’è che il film ha avuto un’accoglienza da parte della critica estremamente positiva, con recensioni a dir poco ottime, ma non si può dire lo stesso per gli incassi al botteghino.

Il film è costato alla Warner Bros. e alla Alcon 150 milioni di dollari, e il film ne ha incassati altrettanti e anche di più, ma non quanto le major volevano e si aspettavano, tant’è che si è arrivati a definire questo film un vero e proprio flop. Denis Villeneuve, regista della pellicola, non ha saputo dare una spiegazione a tale fenomeno, ma ecco che arriva un altro film maker a dire la propria in merito. Stiamo parlando proprio di Ridley Scott, che ha co-prodotto e co-sceneggiato il film, senza però venir accreditato per quest’ultimo merito.

Stando alle parole di Scott, il flop è dovuto all’eccessiva lunghezza del film, che ammonta intorno ai 160 minuti, ovvero due ore e quaranta, e afferma che tutto ciò è colpa sua:

Devo stare attento a ciò che dico. Devo stare attento. Ma era fottutamente troppo lungo. Dannazione! Ed è tutta colpa mia. Me ne sono stato seduto per un quantitativo eccessivo di tempo insieme agli sceneggiatori e non riceverò alcun credito per tutto questo, perché vuol dire che me ne devo stare lì con un registratore mentre parliamo. E non potrei fare una roba del genere a un bravo sceneggiatore. Ma devo farlo. Lo devo fare per dimostrare che sono parte attiva del processo, devo avere un’adeguata mole di prove in maniera tale da non poter essere disturbato […] La madre doveva morire, senza alcuna spiegazione, e mesi dopo aver finito l’allattamento. Le ossa che vengono ritrovate nella scatola sotterrata sotto l’albero. La fidanzata digitale. Tutte idee mie. Ma non dovrei parlare. Sto facendo lo stronzo.

Parole dure quelle di Scott. Si dà la colpa per il flop perché il film è troppo lungo? Se fossi in Scott invece ammirerei il lavoro svolto, perché la sceneggiatura di Blade Runner 2049 è qualcosa di sensazionale. Non è stato accreditato come co-sceneggiatore, insieme a Hampton Fancher e Michael Green, e questo in effetti è abbastanza strano, ma fatto sta che si sta dando colpe che non ha. Blade Runner 2049 è un capolavoro, non assoluto, ma sicuramente uno di quei film che sono impossibile da dimenticare e che merita di divenire un cult esattamente come il primo film. Se c’è una cosa che il cinema ci ha insegnato è che l’incasso non fa il film, altrimenti tutti i Fast & Furious sarebbero capolavori della settima arte. Voi cosa ne pensate di tutta questa faccenda?


[amazon_link asins=’B0764LWGSW,B0764NNLPL,B076F7PMBQ,B0764JYV5V,B0041KW0WQ,B0741FTRQB,B074HKVJFB,B074HMVTCF,B074JFP3B7,B074JGVGFB’ template=’ProductCarousel’ store=’cinespression-21′ marketplace=’IT’ link_id=’9cbe24c9-eb2a-11e7-a20c-7507f01538b7′]


Blade Runner 2049 uscirà il 6 ottobre 2017, con Denis Villenueve alla regia su una sceneggiatura di Michael Green e Hampton Fancher. Nel cast Harrison Ford (Rick Deckard), Ryan Gosling (Agente K), Jared Leto, Robin Wright, Dave Bautista, Mackenzie Davis, Lennie James, Barkhad Abdi e Ana de Armas (Joi). La fotografia sarà a cura di Roger Deakins, mentre a comporre la colonna sonora saranno Hans Zimmer e Benjamin Wallfisch, dopo aver sostituito Jóhann Jóhannsson.

Andrea D'Eredità

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: