Blade Runner 2049: svelato il titolo originale e il finale alternativo

L’ARTICOLO CONTIENE SPOILER SUL FILM!!!

Blade Runner 2049 è ormai uscito da diverso tempo e la maggior parte di coloro che l’hanno visto ne parlano molto bene, tra cui il sottoscritto (una recensione arriverà a breve), nonostante la tiepida accoglienza al botteghino americano. Ad ogni modo, quando si parla di Blade Runner spesso e volentieri dietro c’è una storia di produzione abbastanza particolare e contorta, con dei retroscena abbastanza particolari. Basti solo andare a vedere quanti titoli ha avuto il film dell’82 prima di essere chiamato Blade Runner, e la stessa cosa è più o meno successa con il sequel di Villeneuve.

Durante un’intervista con Monsters & CriticsAndrew Cosgrove, della Alcon Entertainment, ha avuto modo di parlare della produzione di Blade Runner 2049 affermando che originariamente il film doveva intitolarsi in altro modo, ovvero Blade Runner: Android’s Dream, dato che il film riprende moltissime tematiche dal romanzo su cui si basa tutto quanto, ovvero Do Androids Dream of Electric Sheep?, di Philip K. Dick. Poi però è stato scelto il sottotitolo ‘2049’ riferendosi direttamente all’anno in cui il tutto si svolge. Questo perché il film originale inizia con la didascalia ‘Los Angeles 2019’ e pertanto si è voluto dare al sequel un sottotitolo immediato esattamente come l’inizio del primo film.

Una scelta comprensibile, e comunque è di un certo impatto il titolo Blade Runner 2049, ma un altro interessante dettaglio è stato rivelato da Hampton Fancher, co-sceneggiatore del primo film e anche di quest’ultimo (per il quale ha collaborato con Michael Green). Fancher, durante un’intervista con LA Times, ha dichiarato che il finale originale del film sarebbe dovuto essere decisamente più cupo e con un risvolto che ha in mente dall’82:

Nel mio script Deckard moriva alla fine, ma lo abbiamo lasciato vivo. Nel 1986 io e Ridley Scott abbiamo considerato per la prima volta di fare un altro Blade Runner o quello che sarebbe potuto essere, e mi era venuta questa idea su Deckard e il suo nuovo lavoro. E quello che è accaduto nella mia fantasia è terribile, e non lo rivelerò.

Un finale decisamente interessante e che sicuramente avrebbe stravolto tutto quello che invece è stato il film, e personalmente mi va benissimo così. Certo che ora sono a dir poco curioso di sapere qual è questa terribile idea che frulla nella mente di Fancher da così tanto tempo. Secondo me ha come fulcro la vera natura di Deckard, voi che ne dite?


[amazon_link asins=’B0041KWCLK,B0041KW0WQ,B0741FTRQB,B0764NNLPL,B0764JYV5V’ template=’ProductCarousel’ store=’cinespression-21′ marketplace=’IT’ link_id=’0d37c69b-aecc-11e7-b069-1fc55eaf5263′]


Blade Runner 2049 uscirà il 6 ottobre 2017, con Denis Villenueve alla regia su una sceneggiatura di Michael Green e Hampton Fancher. Nel cast Harrison Ford (Rick Deckard), Ryan Gosling (Agente K), Jared Leto, Robin Wright, Dave Bautista, Mackenzie Davis, Lennie James, Barkhad Abdi e Ana de Armas (Joi). La fotografia sarà a cura di Roger Deakins, mentre a comporre la colonna sonora saranno Hans Zimmer e Benjamin Wallfisch, dopo aver sostituito Jóhann Jóhannsson.

 

 

Andrea D'Eredità

Andrea D'Eredità

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: