Bob Iger parla dell’acquisizione di Deadpool e del futuro dei film Marvel R-rated

Di tutte le molte, molte domande che circondano la prossima acquisizione degli asset del Gruppo Fox da parte della Disney, una delle preoccupazioni più intriganti dei fan riguarda cosa accadrà esattamente alla saga di Deadpool.

Il Mercenario Chiacchierone di Ryan Reynolds ha conquistato gli schemi quando ha debuttato con un fantastico film R-rating che ha incassato ben 363 milioni di dollari a livello nazionale a fronte di un budget di 58 milioni. (Il sequel, Deadpool 2, ha portato 318 milioni di dollari, mentre il taglio PG-13 ha suscitato poco interesse.)

Come sapete, tale stile poco family friendly di solito non è benvenuto all’interno della House of Mouse, e quindi con la questione dell’acquisizione il futuro di Deadpool viene considerato come incerto. A quanto pare però non c’è niente da temere. Parlando durante la Disney’s Q1 earnings call del 1° trimestre, il CEO Bob Iger ha osservato che la Marvel avrà ancora da fare con il franchise di Deadpool.

“Abbiamo visto che c’è sicuramente una grande popolarità tra i fan della Marvel per i film di Deadpool in versione R-rated”, ha detto Iger. “Quindi continueremo in quel modello di business e potrebbe esserci spazio anche per altro.”

La seconda parte di questa affermazione è un po’ vaga sul fatto che Iger si riferisca specificamente ai film della Marvel R-rated o simili, ed ovviamente questo solleva molte domande su cosa accadrebbe se Deadpool si sovrapponesse ipoteticamente al mondo decisamente non-meta e politicamente corretto dei film degli Avengers.

Il primo progetto che salta alla mente con un tono diverso e più cupo rispetto agli stilemi Disney, è l’horror/cinecomics ibrido New Mutants – che è stato in via di sviluppo per un po’ di tempo ed adesso è ufficialmente in stand-by, stando a quanto detto dalla produttrice storica della saga degli X-Men – ma possono saltare alla mente anche altri grandi personaggi non esattamente per tutta la famiglia.

Pensando a Blade, a Ghost Rider, a Moon Knight e diversi altri, possiamo immaginare un mondo cinematografico post-acquisizione che porterà questi grandi super-eroi ed anti-eroi al cinema, ma magari sotto un’etichetta particolare che farà si parte dell’Universo Cinematografico Marvel, ma che tratterà gli argomenti in maniera meno family-friendly. Disney potrebbe resuscitare l’etichetta cinematografica “Marvel Knight“? Secondo noi si.