Captain Marvel: Samuel L. Jackson verrà de-invecchiato per l’intero film

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

Sappiamo ormai da tempo che in Captain Marvel compariranno le versioni più giovani di Nick Fury, Phil Coulson e Ronan L’Accusatore, ma per quanto per gli ultimi due un ringiovanimento sia abbastanza semplice da realizzare, per il grandissimo Samuel L.Jackson la questione si fa un po’ più complicata, almeno stando a molto discussioni sul web.

La cosa ha perfettamente senso, visto che il film sarà ambientato negli anni ’90, raccontando così un periodo inedito della storia dell’Universo Cinematografico Marvel. Nel film diretto da Ryan Fleck e Anna Boden vedremo Nick Fury con ancora due occhi, ma anche più giovane, quindi come sarà adattata la cosa?

In una nuova intervista con Slash Film, il presidente dei Marvel Studios, Kevin Feige, ha parla del de-invecchiamento di Michelle Pfeiffer attraverso la tecnologia digitale in Ant-Man e The Wasp (cosa già utilizzata svariate volte nel franchise), e indica che la stessa tecnologia verrà utilizzata su Samuel L.Jackson in Capitan Marvel.

“Bene, penso che avere l’opzione sia davvero incredibile. Avendo la tecnologia, senza anticipare nulla, Sam Jackson sta girando un film per noi dove è di 25 anni più giovane per l’intera pellicola.”

Con questa dichiarazione quindi, il buon Kevin Feige ha praticamente lasciato‌ intendere che Samuel L.Jackson sarà de-invecchiato grazie alla post-produzione per l’intera pellicola, un impresa davvero titanica ma non troppo dissimile da ciò che è stato fatto con Robert Downey Jr. in Captain America: Civil War, o in Ant-Man con Michael Douglas.

Se ricordate bene, in passato rendere le star più giovani non è mai stato molto efficace, ma questa tecnologia è stata aggiornata negli anni, fino a mostrarsi ne Il Curioso Caso di Benjamin Button, e da li l’abbiamo vista in mano alla Disney in Tron Legacy. Da quel momento in poi questa tecnologia è salita di livello sempre di più, fino a raggiungere i grandi risultati di oggi, che ci hanno regalato spettacoli visivi come il personaggio al tempo interpretato da Peter Cushing, in Rogue One. Detto questo, non vediamo davvero l’ora di vedere il risultato, e speriamo che questa tecnologia venga sviluppata abbastanza da dare anche a Michael Douglas, interprete di Hank Pym, l’opportunità di portare una performance più lunga del suo personaggio da giovane.