Clark Gregg scherza su suo de-invecchiamento: “ho solo preso 4 giorni di riposo”

Clark Gregg scherza su suo de-invecchiamento: “ho solo preso 4 giorni di riposo”

Ieri i Marvel Studios hanno rilasciato il trailer di Captain Marvel, il primo cinecomic Marvel con una super-eroina come protagonista principale, e fra le varie sequenze cosmiche, gli scorci degli anni ’90 ed i pugni alle vecchiette che strano ma vero hanno suscitato scalpore negativo (dio mio…), il tutto non ha fatto altro che alimentare il nostro hype.

Nel trailer però abbiamo visto anche due particolarità davvero niente male, che ci fanno anche avere qualche dubbio sulla resa effettiva finale, ovvero il ringiovanimento di Samuel L. Jackson e Clark Gregg, nell’UCM rispettivamente Nick Fury e Phil Coulson.

Per il primo il dubbio ce lo fa salire il fatto che sarà probabilmente de-invecchiato per più di una semplice apparizione, cosa che immaginiamo abbia fatto lievitare i osti di produzione. Per il secondo invece non crediamo sia la stesa cosa. Nel film di Captain Marvel vedremo il personaggio de-invecchiato, e secondo molti nel film il processo è stato realizzato mediante la tecnologia VFX che la Disney sta perfezionando da qualche anno, ma sarà veramente così?

Riflettendo potremmo dire di si, dopotutto Coulson ha fatto il suo debutto nei panni di un uomo di mezza età e, a meno che non sia cambiato di molto negli anni, la Marvel dovrebbe fare qualcosa per donargli di nuovo giovinezza. La risposta dei fan alla comparsa di Gregg è stata decisamente molto buona, e molti si sono complimentati per gli sforzi fatti nel de-invecchiare l’attore. Clark Gregg però ha risposto ad uno di quei commenti, rivelando in tono probabilmente scherzoso che non c’è stato bisogno della CGI, ma solo di 4 giorni di sonno.

Clark Gregg non è estraneo a risposte sagaci e divertenti, ed in effetti la resa visiva del suo volto nel trailer ha fatto pensare anche a noi che per lui fosse stato utilizzato semplicemente del maku-up, ma dobbiamo ricordarci anche di un grande esempio di manipolazione dell’età in CGI all’interno dell’UCM. La computer grafica utilizzata per invecchiare Peggy Carter in Captain America: The Winter Soldier ha ancora del prodigioso, tanto che in molti al tempo pensarono fosse stato frutto di trucco prostetico, ma poi è stato rivelato l’arcano.

Potrebbe quindi Clark Gregg aver subito lo stesso de-invecchiamento di Samuel L. Jackson ma in quantità minore, tanto da farci credere che non sia stato utilizzato minimamente? A voi la risposta.

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: