CONSIDERAZIONI – Game of Thrones 7×07 “Il drago e il lupo”

L’ARTICOLO CONTIENE SPOILER SULLA PUNTATA

Cari lettori, siamo giunti a questo momento tanto atteso: il finale della settima stagione di Game of Thrones. Una stagione che ha deluso molti e accontentato altri, ma di questo ne parleremo specificatamente più in là, e si può dire lo stesso anche di questo final di stagione, che in line generale mi è piaciuto ma su alcune cose mi ha lasciato col naso storto e soprattutto non mi ha sconvolto come avrei voluto, ma andiamo per gradi.

L’Incontro

La puntata di apre con l’incontro che tutti noi aspettavamo, ovvero la riunione di tutte le persone più rilevanti di Westeros nella Fossa dei Draghi ad Approdo del Re. Finalmente vediamo Cersei incontrare Daenerys e Jon per la prima volta ma assistiamo anche a diversi incontri che mi ha fatto molto piacere vedere. In primo luogo mi è piaciuto vedere Tyrion ritrovare Podrick e ser Bronn, i tre insieme erano grandiosi nelle stagioni precedenti, ma l’incontro che più mi ha fatto piacere vedere è quello tra Sandor “Il Mastino” Clegane e Brienne. L’ultima volta che si erano visti è stata nel finale della quarta stagione con un duello trai due all’ultimo sangue dove Brienne aveva avuto la meglio. Lo scambio di battute che hanno mi è piaciuto molto, perché con Il Mastino cambiato vediamo il personaggio mostrare rispetto per Brienne che è riuscita a sopraffarlo e notiamo anche come lui voglia sapere se Arya è viva, chiaro segno di come fosse ansioso di sapere che fine avesse fatto quella ragazzina che lui ha difeso per diverso tempo e che ha contribuito a far diventare un’assassina spietata. Il Mastino si ritrova di fronte anche suo fratello Ser “La Montagna” Gregor ormai zombificato da un po’ e le parole del Mastino che profetizzano la morte del fratello mi hanno fatto raggelare il sangue, anche perché nonostante Ser Gregor non parli con quegli occhi rosso sangue è riuscito a comunicare qualcosa. Non saprei dire bene cosa. Rabbia, tristezza, forse vergogna per quello che è diventato, non so, ma qualcosa mi hanno trasmesso. C’è da dire però che tutto questo incontro a parer mio ha occupato davvero troppo tempo e poteva essere liquidato più velocemente per dare più spazio a cose ben più importanti, che ovviamente sono state trattate in modo superficiale.
Durante l’incontro viene messo in atto il piano di Tyrion, ovvero quello di mostrare il non-morto catturato nella 7×06 a Cersei e gli altri per convincerli che gli Estranei e il loro esercito esistono e stanno arrivando. Ammetto che non mi aspettavo un reazione così spaventata da parte di Cersei e degli altri e questa cosa l’ho apprezzata davvero molto perché li rende più umani di quel che possono sembrare. Infatti ho adorato la fuga da codardo di Euron, che purtroppo in questa puntata non era all’apice del suo carisma, perché scioccato da quello che ha visto, ma come ben sappiamo ciò verrà sputtanato più avanti, ma ci arriveremo. Pertanto, scioccata dalla visione del non-morto che continua a rantolare nonostante la mazzata del Mastino, Cersei decide di concedere al tregua a Daenerys e Jon, quest’ultimo però non si inginocchia alla Lannister e pertanto l’affare salta. Secondo me in questo caso, come dicono anche Daenerys e Tyrion, Jon poteva anche permettersi di mentire. Posso capire la questione dell’onore e tutto, ma in guerra tutto è concesso. D’altra parte questo è anche una caratteristica del personaggio stesso, ovvero l’ingenuità che però io credevo non fosse più così ingombrante come elemento vista la sua crescita.

Cersei e i suoi fratelli 

Probabilmente le scene più belle di questo finale sono quelle in cui Cersei parla con Tyrion e Jaime in privato. L’incontro con Tyrion lo aspettavo da un po’, e il tutto avviene perché quest’ultimo vuole convincere la sorella di accettare di aiutare Jon e Daenerys contro gli Estranei ma questa non vuole cambiare idea soprattutto se è proprio Tyrion, la persona che più odia al mondo, a cercare di convincerla e qui vediamo come l’odio verso il fratello sia arrivato a livelli altissimi, tanto da incolparlo addirittura della morte di Myrcella e Tommen, quando invece sappiamo bene che è solo per colpa di Cersei che i suoi figli sono morti ma questo lei non lo capisce e non lo vuole capire perché deve avere un motivo per odiare il fratello e questo ci fa capire quanto possa essere squilibrata.  C’è sempre la questione di Tyrion che ha ucciso Tywin, ma quella è già più comprensibile da parte sia di Cersei che di Jaime e in più la Regina Folle (credo che come nome sia decisamente appropriato) spiega anche le conseguenze negative logiche e politiche che ha portato la morte del padre, e da questo punto di vista Tyrion perde punti, ma non ragione. A quel punto, quando Cersei si incazza veramente tanto e va detto che Lena Haedey è un’interprete straordinaria come lo è stato anche Peter Dinklage in quella scena, Tyrion fa notare alla sorella che potrebbe farlo uccidere dalla Montagna, che si trova lì accanto, ma questa non lo fa. Perché non lo fa? Perché riconosce che, per quanto lo odi, rimane pur sempre suo fratello, un Lannister, in più uccidere ora il Primo Cavaliere della regina avversaria durante questo incontro non sarebbe affatto una buona idea. A quel punto quando Tyrion nota che Cersei è di nuovo incinta questa capisce che deve unirsi a Jon contro i non-morti proprio per difendere il suo prossimo figlio e decide così di allearsi con Jon e Daenerys, o almeno così credevamo.
Jaime sta per partire e andare a Nord sol suo esercito ma Cersei lo ferma, perché non si è fidata nemmeno un secondo di nessuno e pertanto decide ancora di rimanere isolato e bloccata ad Approdo del Re e di non essere coinvolta in tutto ciò, come farebbe un grande paranoica. Jaime non essendo stupido le rammenta che se non si uniscono alla battaglia non ci sarà niente su cui regnare e che comunque verrebbero sconfitti in ogni modo, o dagli Estranei oppure da Daenerys con i suoi draghi. A quel punto arriva la più grande puttanata che io abbia mai sentito: Cersei afferma che Euron non è scappato per codardia ma perché sta andando a prendere la Compagnia Dorata, un grande esercito di mercenari che lotteranno per Cersei durante l’invasione degli Estranei. Ora, come faceva a sapere che i non-morti esistessero prima dell’incontro? Perché per organizzare una tale cosa di tempo ce ne vuole e in questo modo sembra quasi che Cersei abbia predetto il futuro. Personalmente è un grandissimo buco di sceneggiatura che mai e poi mai mi sarei aspettato di vedere in una serie come Game of Thrones. Ma la cosa migliore avviene quando Cersei sta per ordinare alla Montagna di uccidere Jaime per tradimento, dato che questo sta per andare a Nord con l’esercito che lei lo voglia o no. Jaime, e anche noi spettatori, a stento crediamo quello che stiamo guardando dato il forte amore che lega i due, tant’è che Cersei bluffava ma questo fa capire a Jaime quanto sua sorella abbia toccato il fondo del barile e l’apice della sua pazzia. Così sceglie di abbandonarla e di andare al Nord da solo. Questa scena è importantissima e bellissima perché ci fa capire che Jaime finalmente si è staccato dalla folle sorella e finalmente è totalmente indipendente. In poche parole: ha tirato fuori le palle.

La morte di Paetyr “Ditocorto” Baelish

Questo ce lo aspettavamo tutti dall’inizio della stagione stessa. Ditocorto continua il suo tentativo di mettere contro Sansa e Arya ma quando avviene il processo per condannare Arya ecco che scopriamo che l’imputato non è la piccola Stark, ma Ditocorto stesso. In quel momento, Aidan Gillen ha dato il meglio di sé come attore. Il sorrisetto da stronzo che aveva costantemente scompare non appena scopre di essere l’imputato e, dopo inutili difese, si getta in ginocchio in lacrime chiedendo perdono e pietà ad un’irremovibile Sansa. La cosa bella è che giustamente Sansa rammenta che è per colpa di Ditocorto se tutto ha avuto inizio, è colpa sua se è morto Ned ed è colpa sua se tutta questa guerra sta portando Westeros in rovina quando invece dovrebbe unirsi per combattere il nemico comune. Ed ecco che mentre Ditocorto sta piangendo e supplicando, Arya, con la daga che Paetyr aveva dato a Bran, taglia la gola di netto a Ditocorto non facendogli finire la frase. La scena a parer mio è straordinaria, non mi aspettavo che succedesse così all’improvviso e quando è accaduto sono rimasto davvero di sasso. Mi aspettavo quasi un’esecuzione che invece non c’è stata. Mi piace. La cosa che invece non mi è piaciuta affatto è che i lord della Valle presenti non abbiano fatto niente e non si siano posti domande. La prova schiacciante la conferisce Bran che, essendo il Corvo a Tre Occhi, ha visto quando Paetyr ha tradito Ned. Sì, ok, ma servono prove concrete. Quello è un processo vero e proprio e se si vuole condannare a morte qualcuno servono delle prove concrete. I lord come fanno ad essere sicuri che Bran stia dicendo la verità? Manco sanno cos’è il Corvo a Tre Occhi! Io non so cosa sia successo con questa settima stagione, ma la sceneggiatura della maggior parte degli episodi è davvero imbarazzante. Forse perché non c’era un’ispirazione diretta ai libri di Martin, dato che quest’ultimo sta ancora scrivendo il famigerato Winds of Winter, fatto sta che una sceneggiatura del genere può essere stata scritta solamente da persone che ragionano come i tre sceneggiatori di Boris.

Theon e la forza di non avere le palle 

A Roccia del Drago tutti si stanno preparando per andare a Nord, ma non il caro Theon che deve salvare sua sorella Yara dallo zio Euron. Il dialogo che c’è tra Theon e Jon è bellissimo, durante il quale Theon viene perdonato per il suo tradimento e Jon gli impone di comportarsi da Greyjoy che da Stark, essendo cresciuto con loro viene considerato anche come uno Stark. Molto bella come scena, mentre ho trovato ridicola quella subito dopo. Theon con un discorso eroico comunica ai suoi soldati che ha intenzione di andare a salvare Yara, ma il loro capitano afferma che è una follia e che è meglio ritirarsi su un’isola per scappare dai non-morti. A Theon questo non piace e iniziarsi a picchiarsi con questo suo soldato che però sta avendo la meglio, ma Theon non può arrendersi, deve rialzarsi anche a costo di morire, ed ecco la stronzata. Il soldato gli tira una ginocchiata nelle palle e giustamente Theon non si fa niente, il soldato si distrae e Theon vince. La scena è bella per quello che rappresenta, ovvero Theon Greyjoy che finalmente si libera di Reek, il suo lato codardo, ma è messa in scena malissimo questa liberazione. Cioè, come trovata è una cosa assurda, sembrava una scena presa da Men In Black II (e sappiamo a cosa mi riferisco). Tra l’altro è ben noto che Theon ormai è un eunuco, quindi l’idea di prenderlo a ginocchiate sulle palle è di per sé stupida.

L’amore tra Jon e Daenerys

L’avete sentito quel suono? Sì, erano tutt’e due le mie palle che cascavano sotto al divano. Sin dalla 3×04 gli sceneggiatori ci facevano intuire che trai due ci sarebbe stata una storia amorosa, con quegli sguardi e quelle battute ridicole. Già nella scorsa puntata c’era stata quella ridicola scena di Jon a letto mezzo morto (e mezzo nudo) con lei che lo guarda piangendo e lui che la chiama Dany, uno schifo immane, ma qui abbiamo raggiunto livelli assurdi. Nella Fossa dei Draghi Jon chiede a Daenerys se è vero che non può più avere figli e le dice che forse la strega può essersi anche sbagliata. Già sono ridicole le parole, ma poi il modo con cui Jon, o meglio, Kit Harington le recita, come per dire ‘Ehi, ti va se andiamo in una caverna? Eh? Solo io e te? Eh?? Scommetto che ti metto incinta alla faccia della strega. EH???’. E infatti poi abbiamo la scena esplicita di loro che fanno cose a letto. Ora, sappiamo bene che Game of Thrones è nota per le scene di sesso, e di certo non mi scandalizzo per una scena simile, ma c’era bisogno di mostrare tutto ciò? Ma soprattutto, c’era davvero bisogno di cascare nel banale mettendoli e mostrandoli insieme? Con questa cosa gli sceneggiatori si sono arresi alle richieste delle fan girl che da anni disegnano fan art, portando in vita una storia d’amore banale, piena di cliché e degna di sitcom romantica da quattro soldi. E stiamo parlando di Game of Thrones!! La serie di punta di uno studios come la HBO! Mi spiace ma su questo argomento non c’è NIENTE da salvare, nemmeno volendo.

Il lupo e il drago

Anche questo ce lo aspettavamo e siamo rimasti tutti abbastanza soddisfatti, ripeto, ABBASTANZA. Sam arriva a Grande Inverno, si incontra con Bran e i due iniziano a parlare, giustamente, del matrimonio tra Lyanna Stark e Rhaegar Targaryen e del fatto che Jon sia loro figlio e legittimo erede al trono di spade. La scena del matrimonio è bella, con il voice over di Bran che parla di come Jon sia l’erede e rivelando che il suo nome sia Aegon Targaryen (scontato e banale ma ci può stare), ma il problema è che finalmente viene mostrato Rhaegar e non gli fanno fare niente. Esteticamente è anche uguale a Viserys, quindi ciò rende il personaggio ancora più povero di carattere. Mentre d’altra parte Lyanna con quelle due scene nel letto della Torre della Gioia ha saputo emozionarci, merito anche dell’attrice interprete Aisling Franciosi.
Qual è il vero problema di tutto ciò? Bran può vedere e sapere tutto, va bene, eppure quando Sam arriva sembra che sappia più cose riguardo l’argomento di Bran stesso. Come? Com’è possibile? Abbiamo visto nella 3×05 che Gilly aveva trovato una prova scritta che Rhaegar si era sposato con Lyanna Stark ma Sam la stava ignorando in quel momento e non può essersi ricordato di una cosa che nemmeno ha sentito! In più Bran afferma che il cognome di Jon sia Sand anziché Snow dato che è un bastardo del sud, e qui Sam gli fa capire che il matrimonio era ufficializzato e qui mi chiedo: Bran non poteva guardare meglio? Cioè, scopre che sua zia è la madre di Jon e la vede sussurrare qualcosa a Ned. Non poteva avvicinarsi e sentire il nome? Mi sembra solamente un ridicolo pretesto per far sì che la rivelazione del nome venga fuori proprio in questa puntata.

I morti a Westeros

Sicuramente la scena più bella dell’intera stagione e della puntata. Tormund e Dondarrio sono sulla Barriera a fare la guardia quando ecco che sbuca dalla foresta l’intero esercito dei non-morti con il Re della Notte a cavallo di Viserion zombificato. Quando è apparso un brivido mi è salito lungo la schiena, tutta la scena è di una potenza incredibile e pregna di una fotografia da mozzare il fiato, con un bellissimo gioco di luci sullo sfondo. Viserion si scaglia sulla Barriera sputando fuoco blu, giustamente, distruggendola. La Barriera è caduta, e i non-morti sono finalmente entrati a Westeros. Qui, cari lettori, abbiamo assistito ad uno degli avvenimenti più importanti dell’intera serie e portato in scena nel migliore dei modi. Ecco, questo è quello che voglio da una serie come Game of Thrones: epicità, potenza, forti emozioni, tutte cose che in questo finale di stagione potevo percepire ma che invece mi hanno appena toccato a causa di una messa in scena abbastanza superficiale del tutto. Come finale è magnifico, ti lascia di stucco e l’unica cosa che ho pensato è stata ‘E ora?’. E’ l’unica cosa che si può pensare nel vedere una cosa simile. Semplicemente maestoso. Speriamo che Tormund non sia morto col crollo perché ci rimarrei davvero male, deve ancora avere i bambini mostruosi e giganti con Brienne. Deve averli.

Risultati immagini per game of thrones undead viserion gif

Giunti alla fine di tutto che dire? Un finale che in linea generale delude per quando riguarda l’emozioni provate e la messa in scena di diversi colpi di scena ma che d’altra parte soddisfa con un grandissimo finale e ammettiamolo, buchi di sceneggiatura o meno alla fin fine le cose mostrate ci sono piaciute. Tranne l’amore tra Jon e Daenerys, quello è davvero la trovata più stupida dell’intera serie. Voi che ne pensate di questo finale di stagione? A breve avremo modo di parlare anche della settima stagione di Game of Thrones in modo generale.

Qui di seguito potete acquistare l’home video delle stagioni precedenti.

[amazon_link asins=’B00IJGLIW6,B00IJGLIUS,B00XLSD86G,B01EZGGU3U,B01M5CGQ5U,B01LTHL5BU,B01LTHL5BK’ template=’ProductCarousel’ store=’cinespression-21′ marketplace=’IT’ link_id=’5f61c17d-6cb2-11e7-b8d6-79ed56a86b49′]

[amazon_link asins=’B00IJGLIXA,B00IJGLITY,B00WOWZ13S,B017VB3JFI,B00XP5FU1G,B01LTHL5C4,B01LTHL5CE’ template=’ProductCarousel’ store=’cinespression-21′ marketplace=’IT’ link_id=’817423da-6cb2-11e7-a4f3-1765ebe97dec’]

[amazon_link asins=’B015HERDOO,B015HERDJO,B018EDHH6E’ template=’ProductCarousel’ store=’cinespression-21′ marketplace=’IT’ link_id=’8901466d-6cb2-11e7-a770-e73136aab5f7′]

 

 

 

 

 

Andrea D'Eredità

Andrea D'Eredità

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: