Cosa ha intenzione di fare Hollywood con i film ritardati per via del Coronavirus?

Un nuovo rapporto esamina ciò che gli studios hanno intenzione di fare con i film che hanno visto le loro date di uscita ritardate a causa del Coronavirus.

Leggi anche: Universal Pictures renderà i suoi nuovi film disponibili per l’home-video nel giorno della release cinematografica

Ormai tutti sono ben consapevoli del fatto che l’epidemia di COVID-19 ha avuto un impatto enorme sull’industria dell’intrattenimento, con i cinema chiusi in tutto il mondo e diversi film che sono stati rinviati indefinitamente. Alcuni di questi film – come No Time to Die e Fast & Furious 9 – sono stati programmati per nuove date già da un anno. Tuttavia, la stragrande maggioranza di loro è in attesa di riceverne uno in un secondo momento.

Data la natura della pandemia di Coronavirus, gli studi sono comprensibilmente restii a riprogrammare i loro film in ritardo fino a quando non avranno una comprensione più chiara di quando la vita potrebbe tornare alla normalità. Il problema è che, visto che in questi giorni programmano i loro film in anticipo, il calendario delle uscite è già pieno per il resto del 2020, lasciando poco o nessuno spazio per cambiamenti. Tuttavia, ci sono diversi modi in cui Hollywood può aggirare questo problema.

In un articolo pubblicato da Variety, gli analisti sottolineano che potrebbe esserci spazio per alcuni di questi film durante il Labor Day, oltre alle settimane tra il Ringraziamento e le vacanze di Capodanno. Il film tratto dal videogioco Monster Hunter di Paul WS Anderson è l’unico titolo importante in programma per il weekend del Labor Day di quest’anno, quindi c’è probabilmente spazio per un’altra uscita in quel lasso di tempo. Le ultime due settimane di agosto sono ugualmente prive di grandi nomi, con i sequel Bill & Ted Face the Music e The Hitman’s Wife’s Bodyguard che sono gli unici film significativi.

Normalmente, un rilascio a fine agosto sarebbe un segno di morte per un blockbuster ma, date le circostanze attuali, è un’opzione fattibile per, diciamo, The New Mutants.

In tal caso, dicembre è un’altra possibilità per un certo numero di film. Non c’è nessun nuovo film di Star Wars in uscita nel 2020 e non ci si aspetta che film come Dune e West Side Story siano uguali a successi dello scorso anno dicembrini come Jumanji: The Next Level e L’Ascesa di Skywalker. Il mese potrebbe rivelarsi complicato per la Disney; rilascerebbero sia West Side Story che The Last Duel attraverso i 20th Century Studios in quella cornice e non vorrebbero sicuramente rischiare di urtare i ritorni monetari di entrambi, mettendoli contro un sicuro successo come Mulan o Black Widow.

C’è un’opzione di backup, però; con così tante uscite del 2021 che hanno interrotto la propria produzione mentre il coronavirus si diffonde, alcune potrebbero finire per essere ritardate e ricevere il corrispettivo delle loro date precedenti nel 2021.

Per ora, è impossibile dire con certezza cosa farà effettivamente Hollywood con tutti i film ritardati dal Coronavirus. L’industria sta ancora aspettando di vedere come si scatenerà l’epidemia da qui in poi. Nel migliore dei casi, i cinema saranno in grado di riaprire in tutto il mondo a partire da metà maggio e gli studios potranno spaziare in quel momento. Tuttavia, esiste una reale possibilità che le cose rimangano statiche fino a metà estate, portando a ritardare film come Jungle Cruise.

Nel frattempo, è importante per tutti continuare a rimanere a casa in auto-quarantena per aiutare a rallentare la diffusione del COVID-19 e, si spera, consentire alla vita di tornare alla normalità prima o poi.

Fonte

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: