Crisi sulle Terre Infinite: Tom Welling rivela che mise delle condizioni per apparire nel crossover

Quando la promozione di Crisi sulle Terre Infinite era nel pieno del suo potenziale, è stato fatto sapere che nel crossover dell’Arrowverse sarebbe apparso Tom Welling in un dolce regalo ai fan/rimando alla famosa serie The CW Smallville, serie tv super-eroistica che narrava la giovinezza di Clark Kent nella piccola città di Smallville, e che ha funzionato come un’apripista spirituale per le serie dell’Arrowverse.

Leggi anche: Crisi sulle Terre Infinite e il problemi di continuità del DCEU

Crisi sulle Terre Infinite ha dato alla The CW e alla DC Comics l’opportunità di incrociare interpretazioni più vecchie di personaggi iconici su schermo. L’evento crossover ha permesso a Brandon Routh di riprendere il ruolo di Superman da Superman Returns, a Kevin Conroy di riprendere il ruolo di Batman, con un ispirazione palese all’era Zack Snyder del DC Extended Universe, e ovviamente Welling, a quanto pare però, l’attore ha messo delle consizioni quando gli è stato chiesto di partecipare al crossover.

C’era una cosa che Welling non avrebbe assolutamente fatto: indossare il completo di Superman. Parlando al Fan Expo di Vancouver, Welling lo ha spiegato in termini chiari.

“Se avessero iniziato la conversazione dicendo: ‘quindi, Clark, qui c’è il costume’, avrei riagganciato. Ma mi piaceva l’idea di far riapparire Clark ancora, e mi piaceva l’idea di farlo insieme a Lois.”

Nella scena che alla fine è stata girata, il Clark Kent di Welling viene reintrodotto dopo un considerevole salto temporale dal finale di Smallville. Un Clark più anziano, che ha rinunciato ai suoi superpoteri per vivere una vita normale con Lois Lane, si confronta con il Lex Luthor dell’Arrowverse in un cameo breve e divertente.

Welling era attratto dall’idea di esplorare il lato paterno di Kent nel salto nel tempo. Welling ha detto che interpretare un Clark che si è trasformato in suo padre è stato allettante, e ha tenuto a mente il Jonathan Kent di John Schneider.

“Non so se qualcuno l’abbia capito, ma in qualche modo mi è venuto in mente che volevo comportarmi più come Jonathan Kent, in quella scena di quanto abbia fatto Clark, perché è suo padre, e probabilmente è quello da cui sarebbe stato influenzato.”

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: