Cyberpunk 2077 mira ad essere un “punto di riferimento” per l’industria come lo fu The Witcher 3

È stata una lunga, lunga attesa per il prossimo titolo di CD Projekt RED, Cyberpunk 2077. Dopo averci messo anni per essere annunciato, il gioco ha subito 2 ritardi di alto profilo, e molti si sono chiesto se effettivamente ce la farà ad uscire quest’anno o meno.

Leggi anche: Cyberpunk 2077 non è dotato di una “modalità Grand Theft Auto”

Ma comunque vada, siamo sicuri che sarà un progetto lungo e importante, perché lo sviluppatore ha avuto proprio quest’obbiettivo in mente.

Nell’ultimo numero della rivista EDGE (via Gamingbolt), il Level Designer Max Pears ha parlato del gioco e di ciò che gli sviluppatori vogliono ottenere. A quanto pare c’è stato qualcosa di simile a una competizione dentro se stesso per superare quello che aveva già fatto prima, in particolare con la saga di successo di The Witcher, che ha ampiamente ripagato l’azienda. Con The Witcher 3, in particolare, vedono un punto di riferimento e vogliono lo stesso per 2077.

“Voglio dire, non c’è sangue cattivo o cattiva volontà verso altri studi o altri giochi perché tutti in questo settore fanno avanzare il mezzo insieme. Ma soprattutto con The Witcher 3, che ha avuto enorme successo in un mondo così grande che la gente ha trascorso ore a esplorare, e pensando a quel titolo questa diventa una competizione di noi stessi verso noi stessi come squadra. Abbiamo già fissato il punto di riferimento in un titolo precedente e stiamo provando a fare sempre lo stesso. Quindi si tratta sempre di passare oltre cercando di migliorare, ma anche di capire che c’è una differenza e di chiedersi come possiamo spingere queste differenze in modo che siano un vantaggio. Ma sì, cerchiamo sempre di creare giochi innovativi e rivoluzionari.”

Come sapete, Cyberpunk 2077 è attualmente previsto per il 19 novembre su PlayStation 4, Xbox One e PC con una versione Stadia che arriverà più tardi.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: