DC Films: quali sono i piani futuri per la DC Comics al cinema?

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

Dopo Justice League la Warner dovrà stare attenta a cosa rilascerà sotto l’etichetta DC Films, e con la lista già approvata di film al San Diego Comic-Con, sicuramente ce ne sarà delle belle da vedere da qui in avanti.

Mettiamo subito in chiaro che il famoso “Justice League – Parte 2” non è mai esistito veramente, e le voci sulla sua esistenza sono state solo un mucchio di rumor riciclati. Volendo quindi continuare molte voci vorrebbero si un prossimo film sulla Justice League, ma è incerto di quale si tratti e quale trama tratterà. Sperando che sia Justice League Dark e che con l’introduzione di Shazam il tutto porti alla Trinity of Sin, sappiamo che i film che entreranno in produzione quest’anno, oltre al già citato Shazam, sono i sequel di Wonder Woman e Suicide Squad, quindi il 2019 sarà un anno ricco di pellicole DC Films.

Stando a quanto lasciato intendere da Comicbook (via THR), i film che quindi entreranno in produzione dopo questi tre già citati sono lo stand-alone su Flash e Batgirl, e mentre Wonder Woman 2 sta attualmente affrontano la fase di casting, si vocifera che quelle di Batgirl e The Flash non tarderanno ad arrivare.

Non sappiamo ancora niente sulla pellicola con Barbara Gordon protagonista, ed alcuni rumor vorrebbero Joss Whedon esser stato allontanato dalle collaborazioni con lo studio dopo Justice League, cosa però che parrebbe già stata smentita. Ci sarebbero rumor e parziali conferme che vedrebbero Whedon esser interessato ad adattare la Barbara Gordon introdotta in New 52, quella ripresa dalla lesione alla spina dorsale che l’ha costretta su una sedia a rotelle, pronta quindi ad indossare di nuovo il mantello ma attanagliata anche da una sorta di stress post-traumatico.

Riguardo al film su The Flash, attualmente intitolato Flashpoint, sappiamo che è stato oggetto di numerosi team creativi, anche se sembra che sia finalmente gli sia stato accostato quello di Spider-Man: Homecoming, composto da John Francis Daley e Jonathan Goldstein. Il film presenterà nel cast Ezra Miller e Kiersey Clemons, nonostante la Clemons sia stata assunta da un precedente regista. Non si sa poi molto del film, ma recentemente Daley avrebbe dato ai fan un’idea del tipo di tono a cui lui e Goldstein stanno cercando di approcciarsi, parlando del modo in cui il super-eroe è diverso da icone virtualmente onnipotenti come Superman, e come sia essenzialmente “più un supereroe di livello base“.

Per concludere, parlando di Nightwing, il noto sito tracking-board lascerebbe intendere che la pellicola non sia una priorità per la Warner. Il regista Chris McKay infatti sarebbe attualmente in trattativa per dirigere un adattamento cinematografico di Dungeons & Dragons per la Paramount, cosa che sicuramente farebbe rallentare il processo di pre-produzione.

McKay avrebbe già ampiamente confermato di star lavorando su casting e sulla sceneggiatura, e queste dichiarazione non vanno necessariamente a cozzare con gli impegni di McKay potrebbe prendersi. La Warner ha già una lista fitta con Matt Reeves a lavoro su The Batman, Todd Phillips al lavoro sullo stand-alone indipendente sul Joker con Joaquin Phoenix, Joss Whedon al lavoro su Batgirl e John Francis Daley e Jonathan Goldstein che sono stati assunti di recente per dirigere il film solista di The Flash. Questi quattro progetti, oltre ai prossimi Aquaman e Shazam ed ai sequel di Wonder Woman e Suicide Squad, riempiranno le sale e faranno affluire i fan di DC negli anni a venire.

Quindi è comprensibile il fatto che Nightwing non sia una priorità per la Warner, e che McKay ha abbastanza spazio di manovra per lavorare anche con la Paramount. Questo non implica (e ci tengo a sottolinearlo per evitare incomprensioni), che Nightwing sia stato cancellato o non sia più nei piani della Warner. Punto.

Naturalmente la DC Films ha una pletora di altre pellicole in fase di sviluppo, tra cui anche Gotham City Sirens, The Batman, Nightwing, Black Adam e un film solista di Joker al di fuori della contiuity dell’universo espanso. Resta da vedere quindi quale film attraverserà il traguardo per primo, ma sicuramente sarà parte della nuova politica che la casa di produzione sembra intenzionata ad adottare dopo il mediocre successo di Justice League.