Denis Villeneuve parla di Blade Runner 2049 definendolo un “enorme pericolo artistico”

Sono passati diversi anni da quando Denis Villeneuve ha diretto Blade Runner 2049. All’epoca, il film sarebbe dovuto essere un grande successo per Villeneuve, ed effettivamente ne è uscito acclamato dalla critica, ma il botteghino è stato tutt’altro che un successo, apparentemente rimandando la costruzione del “franchise di Blade Runner” ideato.

Stando a Villeneuve, era ben consapevole del “pericolo” di affrontare un progetto di franchise così grande e complicato, ed è semplicemente felice che la gente voglia ancora che faccia dei nuovi film.

Parlando di Happy. Sad. Confused. podcast, Villeneuve ha parlato abbastanza apertamente della sua esperienza con il franchise di Blade Runner, in particolare quando si tratta di quello che è successo dopo, con il deludente risultato al botteghino. Sta ancora cercando di elaborare tutto, ma ha ammesso di “non aver visto il film dalla prima”.

Non vedo l’ora di rivedere il film un giorno quando sarà passato un po’ di tempo“, ha aggiunto. Ma anche se non può davvero parlare del contenuto del film, col senno di poi, il regista ha scherzato su come sia semplicemente felice che Blade Runner 2049 non lo abbia mandato in nella lista nera.

“Il miracolo di Blade Runner 2049 è che sto ancora facendo altro film ma è ancora argomento di conversazione”, ha continuato Villeneuve. “Sapevo che quando stavo [facendo] quel film, stavo flirtando con il possibile disastro. Mi sono messo in un enorme pericolo di natura artistica. È stato come camminare – come mi disse una volta Christopher Nolan – in un terremo consacrato. È vero, è stato come un sacrilegio quello che ho fatto. Già solo il fatto che io sia ancora qui a fare film, per me, è tipo…. non so se il film ha funzionato, ma so che almeno non sono stato bandito dalla comunità dei registi. Avrebbe potuto essere il mio ultimo film. Era un gioco pericoloso da giocare”.

Tuttavia, come accennato in precedenza, Blade Runner 2049 non ha fatto un sacco di soldi al botteghino, ma è ancora molto apprezzato dai fan e dalla critica. Quindi, anche se finanziariamente non sembra probabile, la gente è ancora interessata a sapere se Villeneuve ha un’altra storia di Blade Runner in testa? Si, crediamo di si.

“Francamente, è stato un tale privilegio dirigerlo, devo dire che ho amato profondamente entrare nella bolla di Blade Runner”, ha spiegato il regista. “Sento che quando l’ho fatto, stavo imparando cose, e sento che se dovessi tornare indietro per farlo ora, avrei molto più controllo sugli strumenti e sarei molto più in grado di dare vita a qualcosa di significativo. Non sto dicendo che non tornerò mai più a Blade Runner, è davvero un franchise che amo profondamente. Ma allo stesso tempo devo stare attento perché è un mondo di Ridley Scott, non è mio. Sono stato invitato una volta, posso bussare e chiedere di poter tornare, ma non sono sicuro di avere il diritto di farlo. Essere invitato una volta, era come un’occasione irripetibile. Ma sicuramente, mi piacerebbe giocare di nuovo con quel franchise. È così stimolante.”

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: