Disney rilancia nell’acquisizione del Gruppo Fox con un’offerta da capogiro

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

Ormai, anche se pochi mesi fa l’acquisizione della 21st Century Fox, anche chiamata Gruppo Fox, da parte della Disney sembrava quasi certa, la guerra è in realtà aperta per aggiudicarsi alcune delle proprietà. Scontro aperto fra Comcast e Disney.

Come sapete, Disney ed il gruppo Fox continuano a rifiutarsi di rilasciare un commento, ma in una recente chiamata del 9 maggio, il presidente esecutivo della Fox, Lachlan Murdoch, ha risposto circa alla potenziale offerta arrivata da Comcast dicendo che in realtà sono impegnati in un accordo con la Disney e che stanno lavorando per finalizzarlo, ma ha aggiunto poi che comunque tutti i loro doveri fiduciari vanno verso gli azionisti, che tradotto vorrebbe dire che se quest’ultimi prendessero in considerazione l’offerta in contanti, effettivamente più allettante, il corteggiamento da parte di Comcast prenderebbe a diventare più reale.

Ci sono stati rilanci su rilanci lungo queste settimane, ed oggi, anche se Comcast pareva aver messo i “bastoni fra le ruote” in maniera ingente, la Disney si è dimostrata poco arrendevole incrementando l’ammontare della propria offerta ad una cifra davvero astronomica, 71,4 miliardi di dollari in contanti ed azioni.

L’offerta è di quasi 19 miliardi più ricca di quella accettata dalla Fox lo scorso dicembre, ed è vicina al 10% in più rispetto ai 65 miliardi che Comcast ha proposto la scorsa settimana. La maggior parte degli analisti e degli osservatori del settore si aspettavano che la Disney rispondesse a Comcast con una controfferta, ma non così alta. Questa campagna d’acquisizione dal sapore piuttosto aggressiva è un segno dell’intensità del clima che si è creato dopo che, alla fine della scorsa settimana, la AT & T ha chiuso l’accordo con Time Warner e altre società di media tradizionali. Questa controfferta è il segnale che stanno cercando con urgenza un “partner di ballo” mentre combattono contro i concorrenti.

Disney ha offerto 38 dollari per azione in contanti e titoli azionari, inoltre sta programmando di assumere 13,8 miliardi di dollari del debito netto della Fox, cosa che andrebbe inevitabilmente ad aumenterebbe la transazione totale a 85,1 miliardi di dollari. Lo stesso giorno è stato annunciato che il consiglio di Fox avrebbe dovuto tenere una riunione regolarmente programmata. La Fox aveva anche previsto una riunione speciale il 10 luglio, durante la quale avrebbe valutato l’offerta Disney, ma quell’incontro è stato posticipato.

A quanto pare, nonostante la controffensiva di Comcast, il CEO della Walt Disney Company, Bob Iger, si è detto fiducioso riguardo al fatto che alla fine la spunteranno:

“L’acquisizione della 21st Century Fox porterà un significativo valore finanziario agli azionisti di entrambe le società e, dopo sei mesi di pianificazione dell’integrazione, siamo ancora più entusiasti e fiduciosi nell’adattamento strategico delle risorse e del talento di Fox. In un momento di cambiamenti dinamici nel settore dell’intrattenimento, la combinazione di una serie impareggiabile di aziende e franchising di Disney e Fox ci consentirà di creare contenuti di alta qualità più accattivanti, espandere le nostre offerte dirette al consumatore, la presenza internazionale e offrire esperienze di intrattenimento più personalizzate e coinvolgenti per soddisfare la crescente domanda dei consumatori in tutto il mondo.”

A proposito del possibile accordo con Fox, il presidente esecutivo della compagnia, Rupert Murdoch, ha dichiarato:

“Siamo estremamente orgogliosi dei business che abbiamo costruito alla 21st Century Fox, e crediamo fermamente che questa combinazione con Disney darà ancora più valore agli azionisti dato che la nuova Disney continua a stabilire il ritmo in un momento dinamico per il nostro settore. Restiamo convinti che la combinazione delle risorse iconiche, dei marchi e dei franchise di 21CF con Disney creerà una delle più grandi e innovative aziende al mondo.”

Non sappiamo quindi ne se, ne come, risponderà Comcast a questa gigantesca offerta, ma sappiamo che se, qualora una delle due aziende dovesse risultare vincitrice in questa guerra, si accaparrerebbe gli studi cinematografici e televisivi della 20th Century Fox, i vari canali via cavo in cui figurano FX Networks, National Geographic, ben 300 canali internazionali, 22 network televisivi sportivi regionali, il 30% di Hulu (che in ogni caso poi salirebbe al 60%), il 50% di Endemol Shine Group, la piattaforma satellitare Star India e il 39% di Sky.