Disney/Sony: quali saranno le conseguenze del nuovo accordo per Spider-man?

Come avete potuto leggere ieri, Disney e Sony hanno raggiunto un nuovo accordo circa la gestione del Peter Parker di Tom Holland, e del suo ritorno (se n’è mai veramente andato?) nell’Universo Cinematografico Marvel.

Mentre i fan di Spidey sono comprensibilmente felici, la celebrazione potrebbe durare un po’ di più di un semplice fine settimana.

Stando alle info, il piano attuale che prende piede in base al nuovo accordo permetterà al presidente dei Marvel Studios, Kevin Feige, di utilizzare i nuovi due film in cui Spider-Man parteciperà per scrivere il personaggio in modo particolare, e dare alla Sony il pieno controllo. Uno dei due film sarà un terzo stand-alone di Spider-Man, mentre il secondo sarà probabilmente un crossover di qualche tipo.

Presumibilmente ambientando il film immediatamente dopo gli eventi di Spider-Man: Far From Home – dove l’identità di Peter Parker è stata rivelata al mondo da Mysterio (Jake Gyllenhaal) e J. Jonah Jameson (JK Simmons) – sarebbe se che il tessi-ragnatele avesse bisogno di un aiuto esterno per affrontare questa nuova minaccia.

Anche se dovesse risolvere il suo problema di identità interamente in Spider-Man 3, il film in più dovrebbe aiutare il team dei Marvel Studios a assicurarsi che l’uscita sia il più pulita possibile.

Possono succedere molte cose tra oggi e il 2021 e c’è sempre l’opportunità che Disney e Sony estendano di nuovo l’accordo, permettendo ai Marvel Studios di continuare a usare il personaggio oltre queste due apparizioni. Ad ogni modo, Feige ha anticipato pubblicamente il coinvolgimento di Spider-Man nel crescente universo espanso della Sony, la prima conferma pubblica nel suo genere.

Ovviamente è troppo presto per fare congetture, ma da qui al 2021 confidiamo che il secondo film su Venom sarà già uscito, come quello su Morbius. La genesi di questo universo fatto di cattivi di Spider-Man potrebbe dare modo ai Marvel Studios d’inserirli nell’universo cinematografico Marvel usando lo stratagemma della caratterizzazione costruita nello stand-alone? Secondo noi si, e sarebbe una grande mossa per entrambe le case di produzione!

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: