Doctor Strange 2: Michael Waldron parla dello sviluppo del film e del multiverso

Dopo aver tolto le briglie al multiverso nel finale della prima stagione di Loki, lo scrittore Michael Waldron afferma che Doctor Strange 2 del regista Sam Raimi è un “inferno in corsa”.

Ambientato dopo gli eventi strabilianti di WandaVision e gli eventi contorti di Loki, Doctor Strange in the Multiverse of Madness della Marvel unisce lo stregone supremo Stephen Strange, ora all’apice del suo potere, con il caos della magia di Scarlet Witch, assieme al al maestro delle arti mistiche Wong, e all’America Chavez di Xochitl Gomez, che salta tra le dimensioni.

Per questa squadra c’è pulizia multiversale da fare prima che il signore della guerra che sfida il tempo, Kang il Conquistatore, distrugga la linea temporale nella Fase 4 dell’Universo Cinematografico Marvel.

“Penso che per Stephen Strange sia passato molto tempo da quel primo film a oggi”, ha detto lo scrittore di Loki e Doctor Strange 2 al podcast Geek Vibes sul sequel. “Quel primo film è stata un’incredibile storia delle origini, ma ora non è più all’inizio. Ha combattuto Thanos [in Avengers: Infinity War e Avengers: Endgame] ed all’apice dei suoi poteri. Quindi è un momento interessante per rivederlo.”

“[Lavorare con Sam Raimi] è stato un vero spasso”, ha aggiunto Waldron. È stata l’esperienza di una vita. Ci siamo divertiti molto a scrivere e sviluppare quel film l’anno scorso e poi girarlo a Londra alla fine dell’anno passato e all’inizio di quest’anno. È stato fantastico. Sam è un regista incredibile e il cast è irreale. Quindi è un viaggio infernale.”

Alla domanda su come ci si sente a scrivere due progetti dei Marvel Studios che sono collegati attraverso il multiverso in disfacimento, Waldron ha detto: “È stato bello, tranne per tutte le volte che scrivevo Loki” in cui a quanto pare doveva sempre pensare in base a Doctor Strange 2, e come quei problemi sarebbero tornati anche nel film.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: