Emma Watts rimarrà alla Fox/Disney per supervisionare i sequel di Avatar

Nonostante un’ondata di rumor diretti alla suite dei dirigenti della Paramount o della Warner Bros, Emma Watts rimarrà alla Fox/Disney.

Stando a Deadline, il vicepresidente e il capo della produzione sono nel mezzo della formalizzazione di un piano con lo studio per rimanere in futuro e continuare a guidare la divisione cinematografica della Fox. Non ci sono stati commenti o conferme da parte di Disney.

Fonti che hanno familiarità con quello che sta succedendo lasciano intendere che, mentre Watts ha dovuto rinunciare alle proprietà della Marvel – che includono Deadpool – consegnadole a Kevin Feige, la sua decisione di continuare è stata sicuramente incentivata dal fatto che continuerà a supervisionare i sequel di Avatar diretti da James Cameron.

Quei film faranno molto per dimostrare se l’acquisizione da parte della Disney di Fox sia stata una buona idea.

Pare che Watts abbia detto che sarà la chiave della relazione con Cameron, con i suoi previsti quattro colpi, a strappare la corona del miglior risultato al botteghino di tutti i tempi ad Avengers: Endgame, quando i film usciranno nel 2021, 2023, 2025 e 2027.

Tutto ciò è in contrasto con le voci che la settimana scorsa lasciavano intendere Watts fosse in procinto di uscire dall’accordo, e che a seguito si sarebbe unita al capo della Paramount, Jim Gianopulos, con il quale aveva una relazione stretta quando gestiva la divisione cinematografica della Fox. E’ molto probabile che in realtà non ci fossero conversazioni di alcuni tipo a l riguardo, e il fatto che la Paramount abbia negato fermamente qualsiai rumor aumenta la convinzione.

Nonostante ciò, l’acquisizione della Disney non prevede risultati a breve termine, in particolare visto che lo studio è in procinto di avere il più grande anno nella storia per quanto riguarda il fatturato. Riguarda un lungo gioco e la decisione di Watts di seguire il corso della divisione cinematografica ha senso, visto che la Disney è seriamente intenzionata ad ampliare le sue offerte.

Come evidenziato dalla notizia circa Ford V Ferrari, diretto da James Mangold con Christian Bale e Matt Damon, la pellicola è stata scelta per essere presentata in anteprima al Toronto Film Festival a settembre prima di venir rilasciato nella stagione dei premi il 15 novembre; e ieri quando Ridley Scott si è impegnato a dirigere Damon e Ben Affleck in The Last Duel, pare si sia reso evidente il desiderio della Disney di investire anche in un mercato diverso da quello suo solito, e sondare il terreno anche per film per adulti.

L’attuale produzione della Disney è dominata dalle etichette Marvel, Lucasfilm, Pixar e la divisione incentrata sui film per famiglie in live-action di Sean Bailey, che sta diventando una macchina sforna soldi. Per quanto questi marchi siano un’entrata sicura per ora, è rischioso prendere acqua da quei pozzi troppo a lungo, quindi il creare una nicchia diversificata in mezzo al marasma dei PG-13 – con Watts alla direzione produttiva – non potrà portare altro che bene, oltre al fatto che così facendo la Disney poggerà le orecchie di topolino su franchise come Kingsman, il film tratti dai romanzi di Agatha Christie e Deadpool.