Federico Fellini e il momento in cui diventò amico di Stan Lee e fan della Marvel Comics

Federico Fellini e il momento in cui diventò amico di Stan Lee e fan della Marvel Comics

A 100 anni dalla nascita del grande artista italiano Federico Fellini, impresso nella memoria immortale del cinema come altissima forma d’arte nostrana, vogliamo raccontarvi un aneddoto che in molti conosco, ma altri no, che rende il grande maestro del cinema Federico Fellini più vicino a noli comuni mortali fan delle maschere, dei mantelli e dei grandi gesti dei super-eroi.

Correva l’anno 1965, i super-eroi Marvel sarebbe diventati un fenomeno di massa in Italia solo qualche anno più tardi fra le fugaci apparizioni supplementari della rivista Linus, ma ovviamente grazie all’editoriale Corno che portò serie regolari scaturite dalla fantasia di Stan Lee e co. in Italia.

Veniamo alla parte dedicata a Federico Fellini. A quanto pare il regista fu un grande fan dei fumetti, il cui mercato fino a quel momento aveva visto il dominio della DC Comics, e fu nel novembre del 1965 che incontrò quello che Fellini conobbe Stan Lee.

La storia vuole che mentre il regista era a New York nel 1965 per la promozione di Giulietta degli Spiriti, prese un virus e fu portato all’Hotel Pierre. Per farlo svagare mentre si riprendeva, qualcuno gli portò dei fumetti da leggere e da quel momento Fellini venne talmente catturato dalle storie di Spider-Man e L’Incredibile Hulk che chiamò l’ufficio della neo-rinominata Marvel Comics ed organizzò un incontro con Stan. Anni dopo, Lee ricordò che il suo addetto alla reception gli disse qualcosa del tipo: “Stan, c’è un certo Fred Felony qui per vederti“, e successivamente il regista entrò nell’ufficio del demiurgo della Marvel con quattro membri del suo entourage, tutti vestiti con impermeabili neri, assieme ad un traduttore che aiutava la comunicazione.

La storia vuole che Fellini e Lee abbiano avuto una vivace chiacchierata in quel momento, e per lo più il primo volle sapere come erano stati realizzati i fumetti. Grazie al fascino di quelle tavole patinate, i due geni creativi sono rimasti in contatto per anni, con Lee visitando la villa di Fellini a Roma e Fellini assistendo a spettacoli di Broadway con Lee a New York.

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: