First Kill: Felicia D. Henderson commenta la cancellazione accusando la campagna marketing

La showrunner di First Kill, Felicia D. Henderson, parla dell’improvvisa cancellazione dello show.

First Kill ha visto nel cast Sarah Catherine Hook nei panni di un’adolescente vampira di nome Juliette. Determinata a stabilirsi nella sua famiglia di vampiri, Juliette intende fare la sua prima uccisione. Incontra una nuova ragazza in città, Calliope (Imani Lewis), e la imposta come suo obiettivo principale. Tuttavia, quando Juliette fa la scioccante scoperta che Calliope è una cacciatrice di mostri, Juliette scopre che questa uccisione potrebbe essere molto più complicata di quanto inizialmente previsto.

First Kill è stato presentato in anteprima su Netflix il 10 giugno 2022 con una stagione 1 di otto episodi e inizialmente ha riscontrato un successo di ascolti, guadagnando oltre 100 milioni di stream nelle prime quattro settimane.

All’inizio di questa settimana, tuttavia, il team creativo ha ricevuto la deludente notizia che First Kill è stato cancellato dopo una sola stagione. Il motivo principale rivelato è stato il mancato raggiungimento del numero di spettatori previsto dallo spettacolo. Sebbene inizialmente abbia avuto un successo, First Kill non ha mantenuto i numeri necessari affinché Netflix si sentisse sicuro nel rinnovare lo spettacolo. Pertanto, qualsiasi piano per far rivivere la relazione tra Juliette e Calliope è stato bruscamente respinto.

Ora, Henderson ha affrontato i suoi sentimenti per l’improvvisa cancellazione dello spettacolo.

Secondo il Daily Beast, la showrunner ha incolpato la campagna marketing di First Kill di non aver ottenuto l’ampio pubblico che meritava. I materiali per la campagna di First Kill includevano un poster con Calliope e Juliette mentre quest’ultima scopre le zanne e Calliope guarda in alto. Sebbene Henderson abbia trovato questo poster “bellissimo”, è rimasta sorpresa dal fatto che la campagna marketing non abbia continuato a rivelare altri elementi intriganti in First Kill, tra cui “mostri contro cacciatori di mostri” e “la battaglia tra due potenti matriarche”.

“Ho firmato con entusiasmo questo spettacolo [perché] ha qualcosa per tutti. Protagoniste forti, intrighi soprannaturali, un’epica battaglia shakespeariana tra famiglie in guerra e una famiglia nera in primo piano nello spazio dei prodotti di genere, qualcosa che gli spettatori neri bramano e che il pubblico in generale deve accettare. Gli artwork per la campagna marketing iniziale erano bellissimi. Penso che mi aspettassi però di più circa le anticipazioni su quella che sarebbe stata la struttura della serie all’inizio, e che altri elementi altrettanto avvincenti e importanti dello spettacolo fossero mostrati – mostri contro cacciatori di mostri, la battaglia tra due potenti matriarche, ecc. Dovevano essere promossi, ma così non è stato.”

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: