Francis Ford Coppola chiarisce i suoi commenti sui cinecomics

Da quando Martin Scorsese originariamente ha commentato circa i film Marvel, alcuni membri della Hollywood sono intervenuti sull’argomento, in particolare circa il fatto se la raffica di film coi supereroi in generale possano essere chiamati cinema.

Una delle dichiarazioni più controverse è arrivata dal regista Francis Ford Coppola, che nei suoi commenti ha usato la parola spregevole, ma in una nuova intervista con Deadline il regista ha chiarito questi commenti e sembra che le sue parole originali siano state mal interpretate.

Secondo Coppola il termine spregevole non era inteso come una descrizione dei film coi supereroi, ma una descrizione di film realizzati per semplice commercio e ha offerto anche alcuni nuovi commenti sull’argomento.

“Personalmente non mi piace l’idea dei franchise, l’idea che si può continuare a ripetere quello che è essenzialmente lo stesso film per guadagno finanziario – in altre parole, un approccio formulaico”, ha detto Coppola. “Sento che viene adottato un approccio per ridurre il rischio economico dei film e ritengo che il fattore di rischio sia un elemento che rende i film a volte fantastici.

In un certo senso penso che il cinema sia come il cibo; certamente puoi aggiungere cose per renderlo allettante, gustoso e divertente, ma deve anche essere nutriente per qualificarsi come vero cibo.”

Deadline ha anche offerto la traduzione corretta dei suoi commenti iniziali, che potete leggere di seguito.

“Sono sicuro che stai estrapolando da qualunque cosa Martin abbia detto. L’essenza della sua affermazione”, ha detto Coppola quando gli è stato chiesto dei commenti di Scorsese. “Se gli hai chiesto se c’è del buono, se si può dir che ci siano anche ottimi lavori tra alcuni film Marvel, lui direbbe di sì. Ma il suo punto è che è il concetto del film Marvel che ha consumato tutto l’ossigeno, vale a dire le risorse, ed è più simile ad un parco divertimenti che a vero cinema. Sì, sono d’accordo con lui. Anche gli spot televisivi sono cinema, ma non una bella forma, giusto?”

Gli è stato quindi chiesto perché non vi è alcuna nuova nuova Hollywood considerando lo stato delle cose riguardo alle turbolenze politiche.

“Beh, lo sai a causa della mancanza di rischio nella produzione. Quando Marty Scorsese dice che il film Marvel non è cinema, ha ragione perché ci aspettiamo di imparare qualcosa dal cinema, ci aspettiamo di ottenere un po’ di illuminazione, un po’ di conoscenza, una qualche ispirazione. Probabilmente, non so che qualcuno riesca a carpire qualcosa nel vedere sempre lo stesso film, ovvero il film Marvel. È una cosa che non comporta dei rischi, come ho detto prima, fare un film senza rischi è come fare un bambino senza sesso. In parte è il rischio che lo rende così interessante, ecco perché impariamo così tanto quando è finito.

Inoltre, esiste una filosofia secondo cui una persona ricca può essere giusta o ingiusta. È molto importante quando ne parli. Per guadagnare ricchezze ingiustamente si consuma solamente, non si contribuisce. La ricchezza è solo ciò che è giusto, ciò che porta di più alla società. Il cinema è allo stesso modo. Il vero cinema porta qualcosa, un dono meraviglioso per la società. Non richiede solo denaro o arricchire le persone. È spregevole. Quindi Martin è stato gentile quando ha detto che non è cinema, non ha detto che è spregevole, come ho appena detto.”

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: