Gal Gadot e le critiche rivoltele per esser stata scelta come Cleopatra

Nella giornata di ieri vi abbiamo riportato la notizia inerente a Gal Gadot scelta per interpretare lo storico personaggio di Cleopatra in un biopic diretto da Patty Jenkins. Un duo regista / attrice non nuovo al grande pubblico grazie a due film su Wonder Woman, ma ovviamente non tutti hanno apprezzato la scelta della Gadot nei panni della celebre Regina d’Egitto.

L’attrice ha annunciato ufficialmente il suo ingaggio per il film con un tweet, nel quale riporta:

Adoro imbarcarmi per un nuovo viaggio, amo l’emozione di nuovi progetti, il brivido nel portare nuove storia in vita. Quella di Cleopatra è una storia che voglio raccontare da veramente tanto tempo. Non posso essere più riconoscente verso questo A-Team!!

Leggi anche: Patty Jenkins critica la distribuzione in VOD dei grandi blockbuster

Quello che però la cara Gadot non aveva considerato è che viviamo in un mondo ipocrita, ignorante, pigro, bigotto e veloce nel fare giudizi e accuse tanto quanto Clint Eastwood nell’estrarre la pistola nella trilogia del dollaro.

Dopo il suo tweet numerosi sono stati coloro che hanno attaccato l’attrice per esser stata scelta come interprete di un personaggio egiziano, mentre la Gadot è israeliana. Ed ecco quindi subito accuse di razzismo con l’aggiunta di argomenti politici che tutto hanno a che fare tranne che con il cinema. Senza contare il fatto che, se sei davvero così triste da prendertela per stronzate del genere, ce la si dovrebbe prendere con la regista, produttore e direttore del casting, e non con la povera Gadot che, giustamente, vuole con tutta sé stessa interpretare uno dei personaggi più importanti della storia e della recitazione drammatica.

Tra l’altro, se si vuole proprio combattere il fuoco col fuoco, un utente di Twitter ha fatto notare a tutti i criticoni che Cleopatra, in realtà, non è nemmeno di origini egiziane, bensì di orgini greche con dei tratti molto simili a quelli di Gal Gadot.

Insomma, il riassunto di tutto ciò? Che ancora una volta viviamo in un mondo talmente polarizzato verso l’estremo del politically correct da fare il giro e divenire razzista e chiuso esattamente come gli ideali che combattono. O che fanno finta di combattere per tornaconto personale.

 

Fonte: Hindustan Times

Andrea D'Eredità

Andrea D'Eredità

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: