George RR Martin a proposito di alcuni dettagli del prequel di Game of Thrones

Pronti per alcune nuove informazioni sulla misteriosa serie prequel di Game of Thrones?

Di recente EW ha parlato con George RR Martin, autore e produttore esecutivo, e col la showrunner Jane Goldman, che attualmente sta girando in Irlanda del Nord.

HBO e Martin hanno precedentemente rivelato che lo spettacolo si svolge circa 5.000 anni prima degli eventi de Il Trono di Spade, quando Westeros era un posto molto diverso, e condurrà ad un epico scontro con White Walkers nota come The Long Night. Dato che alcuni fan temono che lo spettacolo sia pre-Targaryen (e quindi pre-draghi), è stato chiesto a Martin quali sono le famiglie e le creature che si vedranno in questo periodo.

Martin ha dato alcuni spunti interessanti sullo stato di Westeros durante questo periodo di tempo, e ha anche dato un indizio per un possibile nuovo titolo.

Westeros è diviso in circa 100 regni nel prequel. “Parliamo dei Sette Regni di Westeros; c’erano sette regni al momento della conquista di Aegon”, ha detto Martin. “Ma se torni indietro, allora puoi notare dai nove regni ai 12 regni, fino a quando arrivi a contarne cento – piccoli regni – e questa è l’era di cui stiamo parlando qui“. I Sette Regni mantennero alcuni gradi d’ordine (almeno fino allo scoppio della guerra). Quindi sembra che Westeros potrebbe essere un posto ancora più pericoloso, caotico e senza legge di quanto non lo sia in GoT – come il selvaggio west.

Ci saranno gli Stark e i meta-lupi. Questo dovrebbe essere ovvio dato il periodo di tempo (gli Stark erano discendenti dei Primi Uomini), ma nel caso ci fossero dubbi, Martin conferma che la famiglia è in circolazione.

“Gli Stark saranno sicuramente lì”, ha detto. “E mentre molto è stato detto sul fatto che il prequel precede i draghi, ciò non significa che non ci saranno altre creature. Ovviamente i White Walkers ci sono sono – o come vengono chiamati nei miei libri, Gli Estranei – e questo sarà un aspetto di questo prequel. Ci sono anche cose come licantropi e mammut.”

Non ci saranno Lannister – almeno non all’inizio. Il prequel precede l’ascesa della famiglia Lannister, secondo quanto detto da Martin, mma c’è un’altra famiglia che attualmente risiede nella dimora dei leoni.

“I Lannister non ci sono ancora, ma sicuramente c’è Castlery Rock; è come la Rocca di Gibilterra”, dice. “In realtà è occupato dai Casterlys – per i quali è ancora intitolato ai tempi di Game of Thrones.”

I Casterlys sarebbero stati truffati per la loro casa da Lann the Clever – che fondò la Casata dei Lannister – anche se non è chiaro se verrà raccontata questa storia nel prequel. La ripartizione del cast comunnicata dalla HBO sembrava suggerire che lo spettacolo potesse essere guidato da un trio di protagoniste femminili (Naomi Watts, Naomi Ackie e Denise Gough). Alla domanda su questo, Martin ha detto che il prequel – come Game of Thrones – è più accuratamente descritto come una storia d’insieme.

“Esito a usare le parole di piombo parola. Come sai per Game of Thrones, non abbiamo mai nominato nessuno come attrice protagonista o attore principale [durante la stagione dei premi] fino a poco tempo fa; è stato sempre per supportare le categorie di persone, e far intendere che lo show è un vero ensemble di protagonisti. Penso che sarà vero anche per questo spettacolo.”

Infine, lo show potrebbe avere un titolo leggermente diverso da quello che ci si potrebbe aspettare. Il prequel è ancora ufficialmente senza titolo, come sottolineato da Martin. In passato, l’autore ha suggerito il titolo The Long Night. Il problema che ha complicato questa scelta è che il terzo episodio della stagione 8 di Game of Thrones è anche intitolato “The Long Night”. Mentre The Long Night rimane il titolo preferito di Martin, c’è un’altra possibilità analoga.

“Ho sentito suggerire che si potrebbe chiamare The Longest Night, che è una variante che non mi dispiacerebbe”, afferma. “Sarebbe un titolo abbastanza buono.”

Mentre Martin ha molti progetti tra le sue opere, incluso il pilot del prequel, notafa notare che al momento sta scrivendo solo una cosa: il sesto romanzo de Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, The Winds of Winter.