Gli Anelli del Potere: Lenny Henry parla degli Harfoot e dell’importanza della rappresentazione

“In una buca nel terreno viveva uno Hobbit“. Fin dalla prima frase del primissimo libro della Terra di Mezzo (a sua volta intitolato Lo Hobbit), gli Hobbit sono stati un appuntamento fisso delle storie di Tolkien.

Leggi anche: la serie non cerca di competere con altre serie fantasy secondo lo showrunner

Così, quando gli showrunner JD Payne e Patrick McKay hanno iniziato a raccontare una storia nella Seconda Era della Terra di Mezzo senza Hobbit, si sono trovati di fronte a un enigma: come si fa a evocare quel mondo senza mostrare i suoi abitanti più importanti?

La risposta erano gli Harfoots, esseri che nella tradizione originale di Tolkien sono presenti come predecessori degli Hobbit. Questi hanno quei famosi piedi pelosi e la bassa statura, ma non si sono ancora stabiliti nella Contea. Oh, e uno di loro – di nome Sadoc Burrows – è interpretato nientemeno che da Lenny Henry.

“Siamo una tribù nomade, che si muove con il clima e la fertilità dei raccolti. Abbiamo grandi roulotte su ruote di legno e siamo molto bravi a nascondere le cose, perché gli umani sono molto più grandi di noi e creano problemi”, dice Henry a Empire del modo di vivere degli Harfoot. E anche se non sono esattamente Hobbit, continueranno a svolgere un ruolo simile a quello di Hobbit nel racconto più ampio. “Siamo il tradizionale piccolo uomo di Tolkien. Tradizionalmente, le piccole persone in questo mondo forniscono spunti comici ma riescono anche a essere incredibilmente coraggiose. Ci vedrai eseguire l’intera gamma di emozioni e azioni in questa avventura.”

Per Henry, interpretare il ruolo di Sadoc Burrows non solo gli ha permesso di recitare nel genere fantasy, che ama, ma ha anche offerto l’opportunità di aiutare a spostare l’ago della bilancia di un mondo che in precedenza non tendeva a presentare persone di colore in ruoli principali.

“Se non puoi vederlo, non puoi esserlo”, dice. “Finalmente, in questo show, i bambini vedranno persone di colore occupare spazio al centro di una serie fantasy. Siamo molto visibili in questo mondo ed è molto eccitante.”

Qui sotto potete vedere l’immagine rilasciara da Empire:

Viaggia nella Terra di Mezzo con Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere

La prossima serie di Amazon Studios porta sugli schermi per la prima volta in assoluto le leggende eroiche della mitica storia della Seconda Era della Terra di Mezzo. Questo dramma epico è ambientato migliaia di anni prima degli eventi de Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli di J. R. R. Tolkien, e riporterà gli spettatori nell’era in cui furono forgiati grandi poteri, i regni crebbero gloriosamente e caddero in rovina, gli eroi più improbabili furono messi alla prova, la speranza rimase appesa a un filo e il più grande cattivo mai creato dalla penna di Tolkien minacciò di far cadere tutto il mondo nell’oscurità.

Partendo da un periodo di relativa pace, la serie segue un cast corale di personaggi, sia familiari che nuovi, mentre affrontano il tanto temuto riemergere del male nella Terra di Mezzo. Dalle profondità più oscure delle Montagne Nebbiose, alle maestose foreste della capitale degli elfi Lindon, dal mozzafiato regno insulare di Númenor, fino agli angoli più remoti della mappa, questi regni e personaggi si daranno battaglia per lasciare il mondo in eredità a coloro che sopravvivranno dopo la loro scomparsa.

Il cast principale della serie comprende Cynthia Addai-Robinson, Robert Aramayo, Owain Arthur, Maxim Baldry, Nazanin Boniadi, Morfydd Clark, Ismael Cruz Córdova, Charles Edwards, Trystan Gravelle, Sir Lenny Henry, Ema Horvath, Markella Kavenagh, Joseph Mawle, Tyroe Muhafidin, Sophia Nomvete, Lloyd Owen, Megan Richards, Dylan Smith, Charlie Vickers, Leon Wadham, Benjamin Walker, Daniel Weyman e Sara Zwangobani. Gli showrunner JD Payne e Patrick McKay sono i produttori esecutivi dello spettacolo.

La serie sarà rilasciata su Prime Video il 2 settembre 2022.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: