Gli Anelli del Potere: sono state pianificate cinque stagioni: “Sappiamo quale sarà la nostra ultima ripresa”

Sai come va: inizia un nuovo spettacolo, ti occupi seriamente dei personaggi e delle storie, e poi incombe la minaccia della cancellazione. O, peggio, diventa chiaro che in primo luogo non c’era un piano definito e non c’è un chiaro punto finale in vista. Non è il caso de Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere.

Raccontando una storia completamente nuova nella Seconda Era della Terra di Mezzo, la serie di Prime Video è iniziata con i suoi narratori – tra cui lo showrunner JD Payne e Patrick McKay, insieme al produttore esecutivo e regista JA Bayona – che hanno preparato una storia completa dall’inizio alla fine. Questa riguarda la destinazione così come il viaggio.

“Sappiamo anche quale sarà la nostra ultima ripresa dell’ultimo episodio”, anticipa Payne a Empire. “I diritti acquistati da Amazon erano per uno spettacolo di 50 ore. Sapevano fin dall’inizio che quella era la dimensione della tela su cui dipingere: una grande storia con un inizio, una parte centrale e una fine chiara. Ci sono cose nella prima stagione che non pagheranno fino alla quinta stagione.”

In queste cinque stagioni, Gli Anelli del Potere intreccerà una storia fatta di Elfi, Nani, Harfoots (Pelopiedi in italiano) e altri ancora ambientata sullo uno sfondo epico di eventi importanti della storia della Terra di Mezzo, dalla forgiatura degli anelli all’ascesa di Sauron. Se i singoli fili della trama sono nuovi, il contorno è preso direttamente dal materiale d’origine.

“Era come se Tolkien avesse messo delle stelle nel cielo e ci avesse fatto distinguere le costellazioni”, spiega Payne. “Nelle sue lettere [in particolare in una al suo editore], Tolkien parlava del desiderio di creare una mitologia che permettesse ad altre menti di avere spazio di manovra per creare, per brandire il pennello un tempo impugnato da lui, per dare al tutto una musicalità e una teatralità. Stiamo facendo quello che voleva Tolkien. Finché abbiamo ritenuto che ogni nostra invenzione fosse fedele alla sua essenza, sapevamo di essere sulla strada giusta.”

Preparatevi quindi per uno spettacolo che porterà in scena nuove idee, prospettive, personaggi e altro ancora, in un mondo che amiamo da tempo, ma tutto in linea con ciò che il suo creatore originale ha stabilito.

“La pressione ci farebbe impazzire se non ci sentissimo come se ci fosse una storia che non provenisse da noi. Viene da qualcuno di più grande”, afferma McKay. “Veniva da Tolkien e noi ne siamo solo gli amministratori. Ci fidiamo così profondamente di quelle idee, perché non sono nostre. Siamo custodi, nella migliore delle ipotesi.”

È sempre stato chiaro nel mondo de Il Signore degli Anelli: se hai intenzione di scalare una montagna così ripida con un peso così pesante, puoi comunque farcela con la giusta Compagnia.

Qui sotto potete vedere una nuova immagine dalla serie:

Viaggia nella Terra di Mezzo con Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere

La prossima serie di Amazon Studios porta sugli schermi per la prima volta in assoluto le leggende eroiche della mitica storia della Seconda Era della Terra di Mezzo. Questo dramma epico è ambientato migliaia di anni prima degli eventi de Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli di J. R. R. Tolkien, e riporterà gli spettatori nell’era in cui furono forgiati grandi poteri, i regni crebbero gloriosamente e caddero in rovina, gli eroi più improbabili furono messi alla prova, la speranza rimase appesa a un filo e il più grande cattivo mai creato dalla penna di Tolkien minacciò di far cadere tutto il mondo nell’oscurità.

Partendo da un periodo di relativa pace, la serie segue un cast corale di personaggi, sia familiari che nuovi, mentre affrontano il tanto temuto riemergere del male nella Terra di Mezzo. Dalle profondità più oscure delle Montagne Nebbiose, alle maestose foreste della capitale degli elfi Lindon, dal mozzafiato regno insulare di Númenor, fino agli angoli più remoti della mappa, questi regni e personaggi si daranno battaglia per lasciare il mondo in eredità a coloro che sopravvivranno dopo la loro scomparsa.

Il cast principale della serie comprende Cynthia Addai-Robinson, Robert Aramayo, Owain Arthur, Maxim Baldry, Nazanin Boniadi, Morfydd Clark, Ismael Cruz Córdova, Charles Edwards, Trystan Gravelle, Sir Lenny Henry, Ema Horvath, Markella Kavenagh, Joseph Mawle, Tyroe Muhafidin, Sophia Nomvete, Lloyd Owen, Megan Richards, Dylan Smith, Charlie Vickers, Leon Wadham, Benjamin Walker, Daniel Weyman e Sara Zwangobani. Gli showrunner JD Payne e Patrick McKay sono i produttori esecutivi dello spettacolo.

La serie sarà rilasciata su Prime Video il 2 settembre 2022.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: