I Sinistri Sei: Drew Goddard dispiaciuto che il film non abbia visto la luce

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

Prima che la Sony desse inizio al suo Spiderverso con Venom, e prima ancora che cedesse i diritti cinematografici di Spider-Man ai Marvel Studios, aveva intenzione di realizzare uno Spiderverso vero e proprio con l’Uomo Ragno di Andrew Garfield visto nei due film firmati da Marc Webb. Film che sono stati un fiasco sotto diversi punti di vista (anche se io continuo a difendere il primo The Amazing Spider-Man) e per questo alla fine la Sony ha fatto naufragare il progetto e ha ceduto i diritti di Spider-Man alla Marvel. Ma, per chi non lo sapesse, la Sony con quell’universo voleva fare le cose veramente in grande, con un sacco di spin-off dedicati a diversi personaggi legati all’Uomo Ragno, pensate che il Venom appena uscito inizialmente doveva far parte di quell’universo, ma, in particolare, la Sony stava realizzando uno spin-off su uno dei gruppi di super-criminali più celebre di sempre: I Sinistri Sei.

Il film si sarebbe dovuto chiamare proprio I Sinistri Sei e alla regia ci sarebbe dovuto essere Drew Goddard, noto per essere il creatore principale della serie tv Daredevil e regista e sceneggiatore di Quella Casa nel Bosco. Goddard tornerà a breve nelle sale di tutto il mondo con 7 Sconosciuti a El Royale e, durante una recente intervista con  per pubblicizzare il suo nuovo film, il film maker ha avuto modo di parlare de I Sinistri Sei e del fatto che gli sia dispiaciuto tanto non poter realizzare il film alla fine, dato che alla base vi era un’idea originale e folle simile a quella che c’era alla base di Quella Casa nel Bosco. Qui le parole precise del regista:

Il progetto era divertente- ha dichiarato- pensavo fosse qualcosa di veramente nuovo, e pronto ad essere folle e fuori dal normale. Ero davvero eccitato dall’idea di realizzare I Sinistri Sei. Aveva come principio al cuore del progetto la stessa idea di Quella Casa nel Bosco. La basa di follia ed innovazione era la stessa. Ma alla fine il progetto continuava a rimbalzare da una parte all’altra, finché non se ne fece più niente. Chissà se prima o poi vedrà la luce.