Il Problema dei Tre Corpi: senatori americani prendono di mira la nuova serie Netflix

All’inizio di questo mese, abbiamo finalmente appreso ciò che David Benioff e Dan Weiss hanno pianificato come seguito del loro show di successo, Game of Thrones. La coppia adatterà Remembrance of Earth’s Past di Liu Cixin, meglio noto come “Il Problema dei Tre Corpi“. Questa serie di fantascienza di successo internazionale racconta la storia del primo contatto della Terra con una civiltà aliena, raccontata con un cast prevalentemente cinese.

Leggi anche: David Benioff e Dan Weiss svilupperanno una serie dal celebre romanzo cinese

Per adattare questa storia, Netflix ha messo insieme una squadra impressionante. Lo scrittore di True Blood, Alexander Woo, è uno dei tre principali produttori insieme a Benioff e Weiss. Brad Pitt, Rosamund Pike e Rian Johnson sono tutti coinvolti a vari livelli, sia attraverso le loro società di produzione che come produttori. Cixin servirà come produttore di consulenza, così come Ken Liu, che ha curato la traduzione in inglese.

Ma le cose hanno preso una svolta. All’inizio di questa settimana, un gruppo di senatori americani – Martha McSally (R., Arizona), Marsha Blackburn (Tenn.), Rick Scott (Florida), Kevin Cramer (R., ND) e Thom Tillis (R., NC) – hanno tutti firmato una lettera al chief content officer e co-CEO di Netflix, Ted Sarandos, esprimendo preoccupazione su come lavorare con Cixin potrebbe contribuire alla “normalizzazione” delle violazioni dei diritti umani attualmente commessi dal governo cinese contro la minoranza musulmana uigura del paese.

Alcuni retroscena: i musulmani uiguri cinesi vivono per lo più nella regione autonoma dello Xinjiang, nella parte nord-occidentale del Paese. Secondo le stime attuali, oltre un milione di uiguri sono sepolti in oltre 85 campi identificati costruiti a Xingiang. In un primo momento, la Cina ha negato l’esistenza di questi campi e, quando ciò è diventato impossibile, li ha chiamati “campi di rieducazione”. Man mano che sono venute alla luce ulteriori prove, è risultato abbastanza chiaro che si trattasse di campi di internamento progettati per opprimere questa minoranza religiosa. Le persone venivano incarcerate per crimini che non hanno commesso, impedito loro di praticare la loro religione, picchiate, interrogate e detenute. Roba spaventosa e distopica.

Quindi cosa c’entra Il Problema dei Tre Corpi di Netflix con questo? Ebbene, nel 2019, l’autore Liu Cixin – che è cinese – ha espresso sostegno alla sottomissione del popolo uigura da parte del Partito Comunista Cinese mentre parlava al New Yorker.
“Preferiresti che attaccassero i corpi nelle stazioni ferroviarie e nelle scuole durante gli attacchi terroristici?” chiese. “Semmai, il governo sta aiutando la loro economia e sta cercando di tirarli fuori dalla povertà”.

Questo è il punto cruciale del motivo per cui i senatori hanno scritto a Netflix.

“Netflix concorda sul fatto che la sepoltura da parte del Partito Comunista Cinese di 1,8-3 milioni di uiguri in internamento o nei campi di lavoro in base alla loro etnia è inaccettabile?” chiede la lettera. “Al fine di evitare qualsiasi ulteriore glorificazione delle azioni del PCC contro gli uiguri, o la convalida del regime cinese e delle agenzie responsabili di tali atti, quali passi Netflix intraprenderà per gettare un occhio critico su questo progetto – per includere il rapporto più ampio dell’azienda con Signor Liu?”

La dichiarazione sulla cultura aziendale di Netflix afferma che ‘l’intrattenimento, come l’amicizia, è un bisogno umano fondamentale; cambia il modo in cui ci sentiamo e ci dà un terreno comune’. Questa affermazione è una bellissima sintesi del valore dell’industria dell’intrattenimento americana, che possiede un’innovazione in gran parte senza eguali nel mercato globale. Chiediamo a Netflix di riconsiderare seriamente le implicazioni di fornire una piattaforma al signor Liu nella produzione di questo progetto.

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: