Il produttore di Prey parla del futuro del franchise dopo il successo del film

Il produttore di lunga data di Predator commenta Prey 2 e il futuro del franchise.

Il produttore John Davis è stato coinvolto nel franchise di Predator dall’originale del 1987 e lo ha supervisionato fino al film originale di Hulu, Prey. Il primo prequel della serie, Prey, si concentra su Naru (Amber Midthunder), una guerriera Comanche che combatte l’alieno Yautja nella sua prima caccia sulla Terra.

I film di Predator hanno intrapreso uno strano viaggio da quando è stato rilasciato l’originale, con protagonisti, ambientazioni e nemici a rotazione. La star originale Arnold Schwarzenegger non è tornata per Predator 2, che ha spostato il ruolo di protagonista su Danny Glover. Il pessimo risultato al botteghino del sequel ha messo il franchise nel ghiaccio fino a AVP: Alien Vs. Predator, in cui i cacciatori di alieni combattevano contro gli Xenomorfi di Alien.

Da lì, il franchise di Predator ha ricevuto un sequel di AVP mal accolto, un riavvio di discreto successo con Predators del 2010 e un’altra mancata accensione con The Predator del 2018. Prey ha avutp successo dove gli altri hanno fallito, riportando il franchise alle sue caratteristiche primarie, senza grandi voli pindarici, con una regia accorta e una narrazione pulita che fa molto uso delle immagini per raccontarsi. Ora che questo film ha riacceso l’interesse nel franchise, c’è la possibilità di vedere un nuovo film?

Davis ha recentemente commentato il successo di Prey (tramite SR) aprendosi al futuro del franchise con infinite possibilità. Da un Prey 2 a qualsiasi cosa, da una storia delle origini, un altro AVP, un nuovo racconto moderno o “qualcosa nel mezzo”, Davis dice che il personaggio potrebbe apparire in vari periodi di tempo andando avanti.

“Beh, forse c’è una storia d’origine delle origini. Giusto? Forse c’è un’altra storia che possiamo raccontare di Alien vs. Predator in una situazione diversa. Forse c’è una nuova versione moderna, o qualcosa nel mezzo. Penso che questo personaggio possa apparire di nuovo nel corso della storia.”

Davis è chiaramente preso circa il futuro a lungo termine del franchise di Predator. Parlando di Prey, Davis ha sostenuto il regista Dan Trachtenberg, che si è rivolto al produttore in merito al prequel mentre The Predator del 2018 era già in produzione. Davis attribuisce a Trachtenberg il concept di Prey, dicendo che ha fatto un “lavoro fantastico” nel film e che è stata tutta farina sel suo sacco, la sua immaginazione l’ha reso un successo.

Il produttore attribuisce anche alla Disney il merito di aver compreso il potenziale del franchise di Predator e afferma che una “nuova reinterpretazione” del franchise è ciò che potrebbe aiutarla a resistere alla prova del tempo. Anche i commenti di Davis potrebbero aver già acquisito un peso, Trachtenberg aveva già rivelato di aver già guardato ben oltre la storia di Prey, il che significa che c’è molto di più da estrarre dalle fondamenta del franchise.

Il successo di Prey è una benedizione per il franchise di Predator ed è esattamente ciò di cui aveva bisogno per riportare il pubblico ad amare quell’universo. Il film apre anche la porta a una quantità infinita di storie che potrebbero essere raccontate nel tempo (o nello spazio). Sarebbe sorprendente se Prey 2 non divenisse realtà, e vedere il franchise di Predator continuare in altri periodi di tempo in live-action con altri protagonisti, ambientazioni e sfide sarebbe sicuramente uno sviluppo interessante.

Se volete qua potete leggere una mia idea per un nuovo film “alla Prey”.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: